Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/RENATO INGENITO

Parla Valentina Misseri, sorella di Sabrina condannata con la madre all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi: “Vi spiego perché sono innocenti”

«Questo è un clamoroso errore giudiziario, ed è assurdo che nessuno si renda conto di quello che è accaduto», mormora Valentina Misseri.

Cosa è accaduto?
«Un’ingiustizia senza precedenti. Mia madre e mia sorella sono state condannate con una tripla conforme all’ergastolo, e continuano a dirsi innocenti. Mio padre sta scontando gli ultimi anni di pena e non smette di definirsi colpevole. Un cortocircuito unico nella storia del diritto italiano, cui nessuno però da ascolto. Leggendo i documenti, confrontandomi con gli avvocati, ma anche ascoltando i punti di vista più critici, non riesco a farmene una ragione».

Di cosa?
«Non posso credere che nessuno si accorga che siamo di fronte a un errore giudiziario gravissimo. Le sentenze si accettano, è vero, ma si possono anche criticare. Loro sono dentro da innocenti. E io lo ripeterò fino a quando avrò voce».

Le sentenze sono tre e definitive. Perché crede che siano innocenti?
«Per decine di motivi, la maggior parte dei quali si leggono proprio nella sentenza d’Appello».

Mi dica i tre che considera più rilevanti.
«Il primo è di tipo personale: sono certa che non avrebbero mai fatto del male a Sarah. Il secondo riguarda la testimonianza del fioraio Giovanni Buccolieri, centrale per l’accusa, che torna a ribadire di aver solo sognato la scena in cui mia madre e mia sorella costringevano Sarah a salire in macchina. Il terzo è tutto incentrato su mio padre».
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, uomo gambizzato nella notte: tre colpi di pistola alle gambe
Cronaca / Uccise la cugina Giusy e l’abbandonò sugli scogli: dopo quasi 20 anni di carcere chiede perdono alla famiglia
Cronaca / Fidenza, vasto incendio in un’azienda di materiale plastico: nube nera altissima | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, uomo gambizzato nella notte: tre colpi di pistola alle gambe
Cronaca / Uccise la cugina Giusy e l’abbandonò sugli scogli: dopo quasi 20 anni di carcere chiede perdono alla famiglia
Cronaca / Fidenza, vasto incendio in un’azienda di materiale plastico: nube nera altissima | VIDEO
Cronaca / Incidente sul Gran Sasso: morti due alpinisti
Cronaca / Alessia Pifferi, la confessione: “Non pensavo che Diana potesse morire”
Cronaca / Difende gli studenti durante un controllo antidroga: la scuola lo denuncia per diffamazione
Cronaca / Milano, ragazza di 27 anni violentata in un parco: soccorsa da un passante
Cronaca / La rivincita del lavoratori
Cronaca / Alluvione Emilia-Romagna, Sindaca evacua Conselice per rischio sanitario
Cronaca / Papa Francesco ha la febbre: annullate le udienze di oggi