Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Stromboli, il vulcano erutta di nuovo: cenere e sabbia ricoprono l’isola

Nuova eruzione sullo Stromboli. Una fitta coltre di cenere, sabbia e altro materiale lavico si è depositato sull'isola

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 30 Ago. 2019 alle 07:40
0
Immagine di copertina
ANSA/GIANCARMINE TOLLIS

Nuova eruzione del vulcano Stromboli. Una fitta coltre di cenere, sabbia e altro materiale lavico si è depositato sull’isola.

L’esplosione non è stata comunque della stessa intensità di quella avvenuta il 28 agosto. L’esplosione avvenuta intorno alle 22:45 di giovedì 29 agosto, è stata seguita circa venti minuti dopo da una seconda replica di intensità inferiore e da una terza, intorno alle 23:30, simile alla prima.

L’eruzione del vulcano Stromboli – VIDEO

L’eruzione sta provocando una colata lavica che scende lungo la sciara del fuoco, il canale sul versante occidentale del vulcano dal quale il fiume di fuoco raggiunge il mare. Il chiarore provocato dalla colata è visibile anche a distanza di diversi chilometri.

Secondo la sala operativa della Protezione Civile regionale, che si è messa in contatto con il sindaco e con le forze dell’ordine dopo le esplosioni sullo Stromboli, al momento non si segnalano danni. La situazione viene definita “sotto controllo”.

Un comunicato ufficiale diffuso dall’Osservatorio etneo dell’Istituto di geofisica e vulcanologia sulla nuova eruzione dello Stromboli rende noto che “per quanto riguarda l’attività sismica contestualmente è stato osservato un aumento dell’ampiezza e della frequenza dei segnali sismici associati alla sequenza esplosiva. L’ampiezza del tremore ha mostrato un repentino incremento e attualmente oscilla su valori medio-alti”.

In questo momento a Stromboli ci sono circa 3 mila turisti; meno di un centinaio sono invece quelli che si trovano ancora nella piccola frazione di Ginostra, raggiungibile solo via mare. Ieri in molti avevano deciso di abbandonare l’isola dopo l’esplosione registrata dall’Ingv alle 12:17.

“Abbiamo sentito distintamente un boato – dicono alcuni turisti che si trovano a Ginostra – e subito dopo è cominciata una fitta pioggia di cenere e sabbia che ha ricoperto tutto e dalla quale ci siamo protetti rifugiandoci nelle case”.

L’esplosione segue poi quella del 3 luglio scorso, nella quale è morto l’escursionista Massimo Imbesi, 35 anni di Milazzo, colto di sorpresa dall’eruzione mentre era su un sentiero insieme a un amico che si è invece salvato.

Sui social le persone che hanno assistito all’esplosione hanno condiviso diversi video del momento in cui il vulcano ha iniziato ad eruttare, alcuni dei quali sono impressionanti: il fumo che fuoriesce dal monte sovrasta l’isola e si riversa sull’acqua, dopo molte persone erano in barca o stavano trascorrendo la giornata al mare.

Stromboli, avvertita una forte esplosione: il vulcano riprende a eruttare 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.