Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Delitto Novi Ligure, don Mazzi: “Erika De Nardo si è sposata”

Immagine di copertina

Don Antonio Mazzi, il sacerdote che ha accolto Erika De Nardo nella comunità "Exodus", ha descritto un nuovo volto della giovane che a 16 anni massacrò, insieme al fidanzato Omar, madre e fratellino

Delitto Novi Ligure, don Mazzi: “Erika De Nardo si è sposata”

Quello di Erika De Nardo, o più semplicemente Erika, è un nome difficile da dimenticare. Soprattutto se accostato a quello di Omar Favaro: i due sono infatti i responsabili del massacro di Novi Ligure, l’efferato delitto del febbraio 2001 in cui Erika e Omar, allora adolescenti di 16 e 17 anni, uccisero con 96 coltellate la madre e il fratello minore di Erika.

Si tratta di uno dei casi di cronaca rimasto nella memoria collettiva per la sua atrocità e, ad oggi, si è tornato a parlare di Erika perché don Antonio Mazzi – il sacerdote che ha accolto la ragazza, oggi 35enne, nella comunità “Exodus” di Milano quando è uscita dal carcere – intervistato dal settimanale Oggi ha dichiarato che la giovane “si è sposata”.

Don Antonio ha inoltre descritto il nuovo volto di Erika: “Ha maturato la giusta consapevolezza sulla tragedia, quella che permette di continuare a vivere. Il padre è stato molto importante in questo percorso”. Anche Omar è riuscito a rifarsi una vita e oggi ha una moglie e un figlio.

Solo 18 anni fa, però, il crudele assassinio di Susanna Cassini, 41 anni, madre di Erika, e del fratello Gian Luca di 11. Quando arrivarono le forze dell’ordine nella casa di Novi Ligure trovarono la donna sul pavimento della cucina e il figlio nella vasca da bagno al piano superiore. Ad aver chiamato i soccorsi era stata proprio Erika, la quale aveva poi dichiarato di essere riuscita a sfuggire a dei malviventi sconosciuti armati di coltello che avevano fatto irruzione in casa.

Dopo quelle dichiarazioni era partita subito la “caccia all’albanese”, ma qualche tempo dopo venne fuori la terribile verità: nella caserma dei carabinieri venne infatti filmata Erika mentre mimava le coltellate e cercava di rassicurare Omar sul fatto che non li avrebbero scoperti. A quel punto i due erano stati portati in carcere e condannati a una pena di 16 (per Erika) e 14 anni di carcere (per Omar). I due, però, per effetto dell’indulto e dello sconto di pena per buona condotta, sono tornati molto prima in libertà: per Omar le porte del carcere si sono aperte a marzo del 2010, mentre per Erika dal dicembre 2011.

Omar a quel punto ha provato a rifarsi una vita in Toscana, mentre lei, dopo essersi sia diplomata che laureata in Filosofia in carcere, è stata accolta nella comunità Exodus di don Mazzi, dove si è occupata di volontariato.

Omicidio di Yara Gambirasio, la corte d’assise accorda la richiesta della difesa di esaminare i reperti d’indagine
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Cronaca / Vaccinato con doppia dose e di rientro dall'Africa: chi è il paziente "zero" della variante Omicron
Cronaca / Nessuno ne parla, ma nelle forze dell’ordine c’è un boom di suicidi
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Cronaca / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: casi nel Regno Unito e in Germania
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%