Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Di Maio e Salvini, adottate insieme una bambina senegalese”: la nuova campagna di ActionAid

Immagine di copertina
Il manifesto di Action Aid a Milano. Credit: ANSA/ STRINGER

L’Ong ActionAid, impegnata nella lotta alle cause della povertà, ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione sul tema dell’adozione a distanza che tira in ballo provocatoriamente i due vicepremier italiani, Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

A Milano, in piazzale Baiamonti, nel mattino di martedì 16 luglio, è stato svelato il primo maxi-manifesto della campagna, in cui sono raffigurati i volti di Salvini e Di Maio accompagnati da questa scritta: “Affideresti un bimbo o una bimba a una coppia di questo genere? Noi sì”. L’ hashtag della campagna è #ognicoppiapuò. Contemporaneamente alcuni attivisti di ActionAid si sono recati alla sede centrale della Lega a Milano e dei Cinque Stelle a Roma e hanno consegnato al personale presente dei moduli per l’attivazione del sostegno a distanza della piccola bimba senegalese Thila. Il modulo è compilato con i nomi della strana coppia Salvini-Di Maio.

I rappresentanti di ActionAid non sono riusciti ad entrare nella sede della Lega a Milano, dove sono stati respinti. Si sono dunque limitati a imbucare i moduli nella cassetta della posta.

“In un mondo dominato dalle parole e dalle fake news, invitiamo i vicepremier a un gesto concreto e a un’assunzione di responsabilità”, ha spiegato Raffaella Lebano, vicesegretaria di ActionAid. “Abbiamo già versato noi a loro nome la quota per il primo anno di sostegno a distanza di Thila, ma ci piacerebbe ovviamente che compilassero i documenti e continuassero come coppia”.

Il tentativo della campagna è quello di richiamare l’attenzione sul tema del sostegno a distanza e sulla situazione in Senegal dove il 7 per cento dei bambini muore entro il primo anno di vita e il 75 per cento delle famiglie vive in povertà cronica. Alla campagna ha contribuito anche il mondo Lgbt che ha lanciato l’idea poco dopo la fine del Pride Week.

LEGGI ANCHE: La giornata mondiale contro le mutilazioni genitali femminili
LEGGI ANCHE: Corno d’Africa: milioni sull’orlo della carestia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Morte Martina Rossi, fuori dal carcere i due condannati
Cronaca / È morta l'ex brigatista Barbara Balzerani, partecipò al sequestro di Aldo Moro
Cronaca / Aborto: Vaticano, “non esiste diritto a sopprimere una vita”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Morte Martina Rossi, fuori dal carcere i due condannati
Cronaca / È morta l'ex brigatista Barbara Balzerani, partecipò al sequestro di Aldo Moro
Cronaca / Aborto: Vaticano, “non esiste diritto a sopprimere una vita”
Cronaca / Pordenone, bambina di 10 anni a scuola col niqab. Maestra le fa scoprire volto
Cronaca / Bolzano. Scia fuoripista, ragazzo di 16 anni travolto e ucciso da una valanga
Cronaca / Le impressionanti immagini della valanga che ha isolato Gressoney
Cronaca / Il Codacons attacca Chiara Ferragni: “Assurdo che parli ancora di fraintendimenti e buona fede”
Cronaca / Caccia ai bagnini per l’estate: “Ci sono 4mila posti vacanti, ma ai giovani non interessa più”
Cronaca / Maltempo sull’Italia, valanghe in Val d’Aosta: paesi isolati e scuole chiuse
Cronaca / Gino Cecchettin: “La parola ‘patriarcato’ ingloba anche un senso del possesso”