Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Scuola, De Luca attacca il governo: “Bambini usati come cavie. Le conseguenze rischiano di pagarle i più piccoli”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

“Le conseguenze rischiano di pagarle i più piccoli” quando “le misure che si prendono prescindono dalla realtà vera che c’è nei territori e negli ospedali; quando si continua sulla linea del “fare finta”, a dirlo in un’intervista a Repubblica è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Tre giorni fa parlando del tema della riapertura delle scuole, aveva detto: “Ho la sensazione che si mettano in piedi provvedimenti che finiscono per trasformare i nostri bambini in cavie sull’altare della politica politicante, dell’opportunismo e degli ideologisimi”.

E così oggi in Campania i bambini non sono tornati in classe in presenza. Dopo il provvedimento preso da De Luca, le scuole – tranne le superiori – hanno cominciato il 2022 a distanza. Il governo, però, sta preparando un’impegnativa contro la sua ordinanza.

“Dad per tre settimane per le medie e le elementari, per consentire una più vasta vaccinazione infantile e per scavallare il picco di contagi previsto per gennaio. E tutto questo accogliendo richieste pressanti di centinaia di presidi, di sindaci e di dirigenti sanitari”, spiega De Luca nell’intervista definendo “ragionevoli” le misure adottate. Per giustificare lo stop verranno consegnati al Tar “i dati oggettivi che motivano la gravità della situazione: Rt a 1,78; impossibilità concreta di tracciamenti, esaurimento dei posti letto pediatrici, e vaccinati sotto i 12 anni al 15%”, dice il governatore che sottolinea, inoltre, un altro dato: la Campania “ha la popolazione più giovane d’Italia, una densità abitativa e una struttura sanitaria che obbligano alla prudenza”.

“L’azione di governo sulla pandemia rimane ispirata alle mezze misure. Abbiamo perso mesi preziosi autoconsolandoci. L’idea che le decisioni si prendono in tempo utile, prima dell’esplosione del contagio, è estranea al governo. E anche sulla nostra vicenda, registro un misto di ottusità burocratica e di centralismo arrogante, del tutto fuori luogo”, afferma De Luca commentando l’operato del governo Draghi per contrastare la pandemia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Cronaca / Bimba con febbre a 41 fatta attendere un’ora e mezzo in codice verde: muore tre giorni dopo
Cronaca / “Pestava la moglie e la figlia di 10 anni”: prof della Sapienza e avvocato del Coni a processo
Cronaca / Torino, fermati 5 giovani per il lancio della bici che colpì uno studente: l’ipotesi è di tentato omicidio
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni