Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Voci dissonanti” nel Cts, smentito Locatelli: “Mai discusso di obbligo e riapertura scuole”

Immagine di copertina
Credit: Presidenza del consiglio dei ministri

“Voci dissonanti” nel Cts, smentito Locatelli: “Mai discusso di obbligo e riapertura scuole”

Qualche “voce dissonante” sembra effettivamente esserci all’interno del Comitato tecnico-scientifico. Nonostante le recenti rassicurazioni del coordinatore Franco Locatelli sull’assenza di divisioni nel comitato di esperti del ministero della Salute, negli ultimi giorni sarebbero emersi diversi malumori tra i suoi membri. Secondo riportato da Il Fatto Quotidiano, diversi “autorevoli membri” del Cts sarebbero infatti rimasti “sorpresi” da quanto dichiarato lunedì scorso da Locatelli che, durante la conferenza stampa indetta da Mario Draghi per spiegare le ultime misure approvate dal governo, aveva evidenziato  come all’interno del Cts non ci fosse alcuna “voce dissonante”.

Secondo quanto riporta il quotidiano invece, diversi membri del Cts hanno ribadito che importanti misure come l’obbligo vaccinale e le nuove regole per la riapertura della scuole non erano state discusse prima del consiglio dei ministri che il 5 gennaio ha dato il via libera all’ultimo decreto Covid. Anche se il tema della riapertura delle scuole era già stato affrontato in altre riunioni del Cts, come sottolineato da Locatelli in conferenza stampa, adesso il paese sta affrontando “un’altra fase della malattia, [con] meno contagi in età scolare”, ha dichiarato uno dei membri citati da Il Fatto. “Tutti siamo per le scuole aperte , naturalmente, ma qui si trattava di valutare il sistema scelto per mandare le classi in quarantena”, ha aggiunto la fonte, che ha comunque riconosciuto come il governo non sia tenuto a chiedere pareri al comitato. Secondo quanto riporta il quotidiano diretto da Marco Travaglio, i membri del Cts citati non sono contrari all’imposizione dell’obbligo vaccinale, ma temono che le misure approvate non abbiano un impatto immediato sui contagi, che minacciano il sistema sanitario. L’impressione dei membri “è che si lascino un po’ troppo correre le infezioni” e che non è ancora possibile gestire la variante omicron come l’influenza. Diversi esponenti del Comitato inoltre temono che Locatelli “abbia sovrapposto la propria figura al comitato stesso”, scegliendo di interloquire direttamente con Draghi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine
Cronaca / Roma, studenti denunciano manganellate dalla polizia durante la manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro