Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca » Roma

Roma, vicino lo sgombero di Casapound: Raggi annuncia “novità”

Immagine di copertina
Veduta esterna della sede occupata da Casapound a Roma, in via Napoleone III. Immagine di repertorio. Credit: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

L’ormai storica sede di CasaPound Italia in via Napoleone III, a Roma, potrebbe essere sgomberata dopo 18 anni di occupazione da parte del movimento di estrema destra. È quanto emerso, secondo fonti citate dall’agenzia di stampa Adnkronos, dalla riunione di oggi, mercoledì 28 luglio 2021, tra la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e il Prefetto della capitale, Matteo Piantedosi.

L’indiscrezione per ora non trova conferme ufficiali, ma la prima cittadina ha annunciato sui social “bellissime novità per Roma” dopo l’incontro in Prefettura.

La procedura di sgombero del palazzo sito nel quartiere Esquilino, nel centro della capitale, era iniziata nel luglio del 2019, quando il Demanio aveva reclamato lo stabile occupato dal 2003 e la stessa sindaca Raggi si era recata di persona a sollecitare la rimozione della scritta in marmo posta sulla facciata dell’edificio.

La Corte dei Conti, per quanto riguarda l’occupazione di CasaPound Italia, ha calcolato un danno erariale di almeno 4,6 milioni per omessa disponibilità del bene e mancato pagamento delle imposte, copertura delle spese e riscossione dei canoni da parte del Demanio e del Ministero dell’Istruzione, a cui appartiene l’edificio.

L’anno scorso, a giugno, la Digos aveva notificato a CasaPound un provvedimento di sequestro dell’immobile, contestando ai “fascisti del terzo millennio” il reato di occupazione abusiva. Allora, il portavoce del movimento della tartaruga frecciata, Simone Di Stefano, aveva smentito l’imminenza dello sgombero.

Raggi aveva sollecitato gli allora ministri di Economia e Difesa, Roberto Gualtieri e Lorenzo Guerini, a procedere con l’esecuzione dei provvedimenti per sgomberare le occupazioni illecite da parte di CasaPound Italia di due stabili, quello nel quartiere Esquilino e l’altro a Ostia, in Via delle Baleniere, di proprietà dell’Aeronautica e anch’esso tutt’ora occupato.

Se confermato, lo sgombero del palazzo di via Napoleone III sarebbe il secondo attuato in pochi mesi ai danni di movimenti di estrema destra a Roma, dopo l’allontanamento degli occupanti di Forza Nuova dai locali di proprietà dell’Ater siti in Via Taranto, avvenuto nel novembre scorso.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Khaby Lame sarà presto cittadino italiano: firmato il decreto
Cronaca / Medico lo opera all’occhio sbagliato: il paziente perde la vista
Cronaca / È di nuovo emergenza all’ospedale Cardarelli di Napoli: troppi accessi, chiude il pronto soccorso
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Khaby Lame sarà presto cittadino italiano: firmato il decreto
Cronaca / Medico lo opera all’occhio sbagliato: il paziente perde la vista
Cronaca / È di nuovo emergenza all’ospedale Cardarelli di Napoli: troppi accessi, chiude il pronto soccorso
Cronaca / Scontro tra camion sull’A1: un morto e sei feriti. Disperso carico di candeggina
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Cronaca / Terrorismo, arrestata a Trento coppia che progettava attentato in Italia
Cronaca / Elodie contro Giorgia Meloni: “Vedo una donna molto arrabbiata. Anche io lo sono ma vado in terapia”
Cronaca / “Ti vergogni di tuo figlio disabile?”: il questionario shock che imbarazza il Campidoglio
Cronaca / Roma, scritte no vax sui muri dello Spallanzani: “Assassini, i vaccini uccidono”
Cronaca / “Questa siccità è una disgrazia mortale”: il viaggio di TPI lungo il Po