Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Il crocifisso a scuola non è discriminatorio”: la sentenza della Cassazione

Immagine di copertina

L’affissione del crocifisso nell’aula scolastica non rappresenta un “atto discriminatorio”. Il docente contrario non ha potere di veto sulla decisione, ma sta alla scuola trovare una soluzione che tenga conto anche del suo punto di vista. È quanto deciso dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con una sentenza depositata oggi sull’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche. Non è stata quindi accolta la richiesta di risarcimento danni formulata dal docente, in quanto non si è ritenuto che sia stata condizionata o compressa la sua libertà di espressione e di insegnamento.

La questione esaminata riguardava la compatibilità tra l’ordine di esposizione del crocifisso, impartito dal dirigente scolastico di un istituto professionale statale sulla base di una delibera assunta a maggioranza dall’assemblea di classe degli studenti, e la libertà di coscienza in materia religiosa del docente che desiderava fare le sue lezioni senza il simbolo religioso appeso alla parete.

“L’affissione del crocifisso, al quale si legano, in un Paese come l’Italia, l’esperienza vissuta di una comunità e la tradizione culturale di un popolo, non costituisce un atto di discriminazione del docente dissenziente per causa di religione”, spiega la Cassazione.

Per i giudici dunque “il docente dissenziente non ha un potere di veto o di interdizione assoluta rispetto all`affissione del crocifisso, ma deve essere ricercata, da parte della scuola, una soluzione che tenga conto del suo punto di vista e che rispetti la sua libertà negativa di religione”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, shock a San Basilio: violentata da fidanzato e cognato mentre la suocera le impedisce di fuggire
Cronaca / Roma, stupro alla Garbatella: si segue la pista del maniaco seriale
Cronaca / Studenti sotto assedio nelle università di Tehran, la lettera-appello ai rettori italiani di Pegah Moshir Pour
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, shock a San Basilio: violentata da fidanzato e cognato mentre la suocera le impedisce di fuggire
Cronaca / Roma, stupro alla Garbatella: si segue la pista del maniaco seriale
Cronaca / Studenti sotto assedio nelle università di Tehran, la lettera-appello ai rettori italiani di Pegah Moshir Pour
Cronaca / “Attacchi d’ira contro i domestici che non obbedivano”: le accuse dell’ex fidanzata di Gianluca Vacchi
Cronaca / Scopre di essere incinta e di avere un tumore lo stesso giorno: il dramma di Elisabetta, morta a 36 anni
Cronaca / Ragazza italiana arrestata in Iran. L’allarme del padre sui social
Cronaca / Spara e uccide l’amico durante una battuta di caccia al cinghiale: indagato 76enne
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre