Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Covid 19, Vaia (Spallanzani): “Non siamo a un passo dalla tragedia, basta terrorizzare le persone”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 21 Feb. 2021 alle 17:29
369
Immagine di copertina

Covid 19, Vaia (Spallanzani): “Basta terrorizzare le persone”

“Non siamo ad un passo dalla tragedia, è ora di smetterla di terrorizzare le persone”. A dirlo è Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani, ospite oggi di Mara Venier a Domenica In. “I media e i cittadini si sono comportati complessivamente in modo responsabile, c’è il pericolo delle varianti ma finora stiamo reggendo bene – ha detto -. Lo dico soprattutto ai miei colleghi: basta terrorizzare le persone”.

“Quello che dobbiamo fare è continuare a sensibilizzare i cittadini sulle misure igieniche da tenere, ma per il resto la situazione è abbastanza sotto controllo: allo Spallanzani non abbiamo avuto contagi interni, questo dimostra la professionalità degli operatori sanitari”, le parole del professore.

Il vero problema, secondo il professor Francesco Vaia, è il rallentamento della campagna vaccinale: “I ritardi nella consegna delle dosi sono gravi e inaccettabili: stimo molto il nuovo presidente del Consiglio Draghi, l’Italia deve farsi sentire in Europa. Non è accettabile che ci siano questi ritardi, questi errori e anche accordi paralleli tra stati membri Ue e le aziende produttrici, va contro lo spirito comunitario. In questo momento non dovrebbe esserci neanche questo ostracismo da parte delle case produttrici – ha detto Francesco Vaia -. Io ho avuto il privilegio e la fortuna di essere stato allievo di Albert Sabin, l’uomo che brevettò il vaccino anti-polio e che non ha guadagnato un dollaro dalla sua ricerca per mettere a disposizione del mondo quel bene. Inoltre, auspico accordi anche tra le diverse case produttrici, in modo da poter somministrare anche dosi di vaccino da aziende diverse. I ricercatori dello Spallanzani stanno lavorando al vaccino di ReiThera, ma siamo ancora nelle fasi preliminari della sperimentazione”.

“Basta parlare di modelli da seguire. Ora sento parlare di modello Gran Bretagna perché sono avanti con la campagna vaccinale, eppure in passato anche loro hanno fatto degli errori molto gravi. Chi si sta muovendo meglio è Israele: provo invidia per la loro organizzazione quasi militare”, ha chiosato il direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani.

Leggi anche: 1. Zona arancione in tutta Italia: l’ipotesi per contrastare le mutazioni / 2. Mascherine U-Mask, il ministero della Salute impone lo stop alla vendita: “Potenziali rischi per la salute” / 3. Roma, festa privata in una casa: la polizia irrompe e trova 28 ragazzi nascosti nell’armadio e sotto il letto

369
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.