Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La Sicilia teme l’arancione, Sardegna e Calabria rischiano la zona gialla dal 6 settembre

Immagine di copertina

Covid, Sardegna e Calabria rischiano la zona gialla da lunedì 6 settembre

Dopo la Sicilia, passata dalla zona bianca a quella giallo lo scorso lunedì 30 agosto, anche Sicilia e Calabria potrebbero cambiare colore a partire dal prossimo 6 settembre.

E se la Sicilia potrebbe rischiare addirittura il passaggio in arancione, altre 4 Regioni, più la provincia autonoma di Bolzano, guardano con apprensione ai numeri, che potrebbero determinare un cambio di colore: si tratta di Basilicata, Piemonte, Molise e Campania.

Al momento la situazione più seria si registra in Sardegna, i cui dati sono già oggi da zona gialla. La Regione, che ha una percentuale di vaccinati pari al 66,1%, registra già oggi oltre 50 casi per 100mila abitanti, il 15% di posti letto occupati in area medica e il 10% in terapia intensiva.

“Siamo in bilico” conferma a Il Messaggero il commissario straordinario Ares-Ats Massimo Temussi, che aggiunge: “La situazione è molto variabile e c’è molto turn over nelle degenze ordinarie: basta un solo giorno per superare le soglie e rientrare nei limiti”.

Rischio alto anche per la Calabria, che vanta il 65,3 per cento di vaccinati, i cui dati rivelano il 9% dei posti letto in terapia intensiva occupati e il 16% in area medica.

Non dovrebbero determinare un cambio di colore immediato i numeri riguardanti le altre 4 Regioni più la provincia autonoma di Bolzano a meno di un repentino peggioramento, al momento assai improbabile, anche se, in caso di mancato miglioramento, l’ingresso in zona gialla a partire dal lunedì successivo, ovvero quello del 13 settembre, potrebbe essere inevitabile.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Femminicidio nel torinese: anziano uccide moglie a bastonate
Cronaca / Chiede di spostare l’auto per uscire dal parcheggio: 55enne picchiato violentemente da 5 giovani
Cronaca / Aumento dei costi, emergenza cinghiali e siccità: la sopravvivenza dell’agricoltura è sempre più a rischio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Femminicidio nel torinese: anziano uccide moglie a bastonate
Cronaca / Chiede di spostare l’auto per uscire dal parcheggio: 55enne picchiato violentemente da 5 giovani
Cronaca / Aumento dei costi, emergenza cinghiali e siccità: la sopravvivenza dell’agricoltura è sempre più a rischio
Cronaca / Frane in Val d’Aosta, Courmayeur senza acqua: “Danni importanti all’acquedotto”
Cronaca / Terracina, bambino di 12 anni muore investito sulle strisce pedonali. Il conducente positivo al test antidroga
Cronaca / Bus diretto a Medjugorje esce di strada: morte 12 persone
Cronaca / Abusi sul figlio disabile di 7 anni, arrestata la madre: incastrata da un audio scoperto dal marito
Cronaca / Jovanotti difende il Jova Beach Party: "Contro di me gli eco-nazisti"
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Cronaca / Esodo estivo, sabato traffico da bollino nero e stop ai tir