Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, Lazio e Lombardia in zona gialla dopo Capodanno, 7 Regioni rischiano il passaggio in arancione

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Covid, Lazio e Lombardia in zona gialla a gennaio, 7 Regioni rischiano l’arancione

Lazio e Lombardia rischiano il passaggio in zona gialla subito dopo Capodanno, mentre 7 Regioni potrebbero finire in arancione già la prossima settimana: è quanto emerge dal monitoraggio settimanale dell’Iss, che fotografa l’andamento dei contagi da Covid-19.

Per andare in zona gialla, il tasso delle terapie intensive deve superare il 10% e contemporaneamente l’area medica deve andare oltre il 15 per cento.

Allo stato attuale, il Lazio ha le terapie intensive al 10,3% e l’area medica al 14,3%, mentre la Lombardia registra il 10,6% delle terapie intensive e il 13,8% delle aree mediche. Probabile, dunque, che entrambe le Regioni passino in zona gialla subito dopo Capodanno, ovvero a partire da lunedì 3 gennaio. Il Piemonte dovrebbe restare in zona bianca anche se i numeri potrebbero portare la Regione in giallo a partire dalla settimana successiva.

Attualmente in fascia gialla si trovano: Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Veneto e le Province autonome di Trento e di Bolzano. Tutte queste Regioni, più Trento e Bolzano, potrebbero presto passare in zona arancione.

Per il passaggio in zona arancione, infatti, una Regione deve avere il tasso delle terapie intensive superiore al 20% e contemporaneamente l’area medica deve superare il 30%.

Secondo gli ultimi dati, la provincia di Trento ha le terapie intensive al 24,4% e l’area medica al 19,1%. Quella di Bolzano ha terapie intensive al 21,1% e area medica al 16,4 per cento.

La Calabria ha il 16,6% delle intensive occupate e il 25,9% delle aree mediche. In netto peggioramento anche i dati del Veneto con le terapie intensive al 15,9% e l’area medica al 18,2%. Le Marche, secondo gli ultimi dati, hanno le terapie intensiva al 18,7% e l’area medica al 19,5%, mentre la Liguria ha il 14,2% di posti occupati in terapia intensiva e il 24,8% di area medica.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”
Cronaca / Bassetti: “Tutti prenderanno la variante Omicron entro l’inizio dell’estate”