Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Covid, in Lombardia solo un medico di base su dieci fa i tamponi. Il consigliere regionale leghista Monti: “Ci diano spiegazioni”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 13 Nov. 2020 alle 15:58
93
Immagine di copertina

Covid, il consigliere regionale della Lombardia Monti contro i medici di base: “Fate i tamponi”

Da qualche tempo il Governo ha chiesto ai medici di base di effettuare anche loro i tamponi, per dare una mano a gestire i nuovi contagi in questa seconda ondata di Covid-19: ma secondo i dati ufficiali relativi alla Regione Lombardia, soltanto un medico su dieci ha accettato l’invito a effettuare test nel suo studio. Tutti gli altri continuano a non farlo, spiegando nella maggior parte dei casi che la loro scelta è dettata dalla necessità di prevenire la nascita di nuovi focolai, visto che spesso gli studi medici si trovano all’interno di palazzi abitati da molte famiglie. Questa mattina, sull’argomento, il giornalista Fabio Massa ha scritto un editoriale su Affari italiani, prontamente ripreso su Facebook dal consigliere regionale leghista Andrea Monti: “I medici – ha scritto Massa – si scordano di dire che in quella disponibilità a fare i tamponi c’era quella di andarli a fare nei checkpoint che sono stati allestiti in giro per la Regione. Cioè: non puoi farli nel tuo studio, o non vuoi farli? Bene, allora vai a farli dove si possono fare in piena sicurezza. Tradotto: dai una mano. E mica gratis: prendendo pure una ventina di euro per ogni tampone che viene fatto. Tra l’altro mentre con una mano rifiutano di fare i tamponi, con l’altra firmano appelli a fare il lockdown generale. Parlano di medicina territoriale ma quando lo Stato, perché questo è un accordo statale, chiede loro di fare i tamponi, dicono di no in nove su dieci”.

Anche Monti, come Massa, si chiede il motivo per cui i medici di base non facciano i tamponi come richiesto dallo Stato: “Premessa – ha scritto il consigliere leghista sui social – Regione Lombardia qui non c’entra. L’accordo è stato sottoscritto dalla Stato. Prevedrebbe che i medici di famiglia facessero i tamponi. Non per forza nei loro studi, anche nei checkpoint allestiti dalle ATS. Risultato? Come ci racconta Affari italiani, ha aderito solo un medico su dieci! Forse sono troppo impegnati a firmare comunicati e appelli strumentali contro Attilio Fontana? Fate meno politica e più i medici. Chiediamo troppo?”.

Leggi anche: 1. L’uomo che salverà il mondo dal Covid è un figlio di immigrati: cari razzisti, andate a nascondervi / 2. Covid: il picco della seconda ondata potrebbe essere raggiunto il 27 novembre / 3. Bitonto, cane contagiato dal Covid: è il primo caso in Italia

4. Ippolito (Spallanzani): “Attenzione al Natale, si rischia la terza ondata di Covid. La fase più critica dell’epidemia a febbraio-marzo” / 5. Chiudere ancora le scuole creerà una generazione di persone ignoranti e sempre più povere / 6. “Mi licenzio. Così non si può più andare avanti”. Storie di medici stremati dal Covid

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

93
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.