Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, Capobianchi: “L’infezione si spegnerà ma una nuova variante potrebbe sparigliare le carte”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/ TINO ROMANO

Covid, Capobianchi: “L’infezione si spegnerà ma una nuova variante potrebbe sparigliare le carte”

A poco più di due anni dal suo inizio la pandemia potrebbe presto volgere al termine, a meno che non emerga una nuova variante che “riesca a sparigliare le carte”. A dirlo è l’ex direttrice del laboratorio dell’Istituto Spallanzani, Maria Capobianchi, che in un’intervista al Corriere della Sera ha evidenziato come, nella situazione attuale, “stiamo andando verso una fase endemica”. Per i prossimi mesi tuttavia è ancora alto il rischio che possano emergere nuove varianti. “Ne abbiamo già viste arrivare cinque che sono diventate protagoniste in virtù di una sempre maggiore facilità a trasmettersi. Ogni giorno abbiamo ancora milioni di casi nel mondo, stiamo dando altre opportunità di mutazione al nostro nuovo ospite”, ha detto la ricercatrice, che con la squadra il 31 gennaio del 2020 è riuscita per la prima volta in Italia a isolare il virus Sars-CoV-2.

Secondo Capobianchi, anche questo virus potrebbe diventare come altri coronavirus che contagiano l’uomo “responsabili di raffreddore e febbri lievi”. “Non sappiamo in quale epoca storica siano arrivati ma tutto fa pensare che al loro ingresso abbiano avuto una storia simile a quella del Sars-CoV-2, ha detto. “Di fronte a virus nuovi è plausibile che la specie umana sia stata tutta contagiata fino a sviluppare una protezione immunitaria. Oggi abbiamo potuto accelerare questo processo con i vaccini”.

La docente di biologia molecolare ha previsto un “altro mesetto di contagi a frequenza elevata” e ha auspicato che quella di omicron possa essere “l’ultima ondata”, prima che l’infezione si spenga “lentamente”, commentando le recenti dichiarazioni dell’Oms.

Riguardo l’isolamento del nuovo coronavirus da parte del suo team allo Spallanzani, Capobianchi ha parlato di “esperienza entusiasmante”. “All’inizio speravamo che l’avremmo scampata e non avremmo sperimentato il flagello in corso in Cina. Mi riferisco ai casi della coppia di cittadini cinesi ricoverati allo Spallanzani. Pensavamo che, col tracciamento, saremmo stati in grado di evitare l’innesco della pandemia”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / Giornalisti picchiati alla cena della Roma, la società caccia il bodyguard
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”