Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Corsa ai tamponi fai da te, ma un positivo su quattro sfugge al test: ecco quali sono i più affidabili

Immagine di copertina

Aumentano i contagi, complice anche la variante Omicron, ed è corsa al tampone. File lunghissime da Milano a Palermo, attese che possono arrivare a diverse ore, anche quattro o cinque, per effettuare un test prima e durante le feste, negli hub e nelle farmacie. La maggior parte dei tamponi effettuati sono antigenici, o più comunemente conosciuti come “rapidi”. Il risultato si ottiene in circa 15 minuti per un costo che oscilla tra i 15 e i 20 euro. Il falso negativo, però, è dietro l’angolo, come specificato da alcuni esponenti della comunità scientifica.

Questa tipologia di test rileva le proteine del virus (antigeni) e il margine di errore è compreso in un range che oscilla tra il 10% e il 25% “a seconda che venga effettuato da una persona esperta, per esempio in farmacia o meno”, come dice al Corriere della Sera Pierangelo Clerici, presidente dell’Associazione microbiologi clinici italiani e della Federazione italiana società scientifiche di laboratorio. Meno esperti si è, più le possibilità di falsi negativi aumentano quindi. È il caso dei tamponi fai da te che potrebbero portare a 1 risultato errato su 4.

A non essere raccomandati sono poi i test salivari. “La qualità del campione di saliva è soggetta a molte variabili, per esempio il tempo trascorso dall’assunzione di cibo o bevande e il modo in cui si è tenuto in bocca il tampone. In generale i test di questo tipo offrono meno garanzie rispetto a quelli che analizzano un campione naso orofaringeo”, spiega Clerici sul Corriere della Sera.
I test sierologici, invece, non sono in grado di confermare un’infezione in atto. Vanno a misurare, infatti, la presenza o meno di anticorpi nel sangue prodotti in risposta al covid – 19 o al vaccino. Ma non servono a capire la reale immunizzazione protettiva, come spiega Fortunato Paolo D’Ancona, medico e primo ricercatore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità.

Il molecolare rimane il test più affidabile, con un margine di errore quasi nullo perché la presenza del genoma del virus viene rilevata anche quando la carica virale è molto bassa, attraverso il metodo RT – PCR, come specificato dall’Iss.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”