Coronavirus, boom di siti porno e sesso virtuale durante la quarantena

Di Antonio Scali
Pubblicato il 29 Mar. 2020 alle 19:44
587
Immagine di copertina

Coronavirus, boom di siti porno e sesso virtuale durante la quarantena

Molti italiani durante questa emergenza Coronavirus sono costretti a rimanere a casa, con l’impossibilità conseguente di poter vedere e frequentare il proprio partner o incontrare nuove persone. Così molte persone sfogano le proprie naturali pulsioni sul web. In particolare in Europa i siti pornografici hanno registrato circa il 20% di traffico in più nelle ultime settimane (in Italia il 24%).

Da segnalare anche come siano aumentate considerevolmente le visite anche ai siti per incontri. Strano, potrebbe sembrare, visto che non si può uscire di casa. Eppure non è così, perché persa per ora la loro funzione originale di “dating”, di permettere incontri online finalizzati a un appuntamento reale, diventano occasione per parlare, per stabilire rapporti approfonditi e scambiarsi sensazioni.

Secondo quanto riportato dagli Insights pubblicati sul portale di PornHub, il sito web pornografico gratuito più popolare al mondo, si è registrato un consistente aumento del numero delle visite durante il periodo di quarantena. Il 12 marzo il portale ha offerto la funzione ‘Premium’ gratuitamente nel nostro Paese e quel giorno l’aumento riscontrato è stato pari al 57%. La linea si è mantenuta in crescendo, pur diminuendo nei numeri rispetto al picco del 12, nelle giornate successive e martedì 24 marzo l’aumento è stato pari a +24%, in media tra i più alti d’Europa.

L’intero traffico europeo è salito quando l’offerta è stata man mano allargata a molti Paesi. Dopo l’Italia, il 17 marzo anche in Spagna il Premium è diventato gratuito e l’incremento di presenze sul sito è stato pari al 61,3%, mentre in Francia – dove l’iniziativa Premium free è stata resa disponibile lo stesso giorno – si è avuto un aumento delle visite pari al 38,2%. Facendo una media tra i vari Paesi, il traffico europeo è aumentato ovunque in periodo di pandemia, raggiungendo il 20% in media in più di contatti.

Malgrado gli utenti principali di siti pornografici sono di sesso maschile, nella settimana dal 16 al 20 marzo su PornHub si è assistito anche un incremento di visite femminili – pari a +36% – rispetto alla media giornaliera, con le italiane prime nella classifica. Tendenza confermata anche da Google Trends: dal 26 febbraio al 26 marzo, le ricerche sul motore di ricerca sotto la dicitura ‘porno per donne’ sono aumentate del 140%.

Ma come detto aumentano anche le visite dei siti per incontri a cominciare dal più celebre, Tinder. Il popolare sito ha deciso di aiutare chi sta in casa a conoscere la possibile anima gemella per ora solo online, partendo dall’idea che avere qualcuno con cui parlare può fare davvero la differenza. E così, più aumentano le misure di isolamento fisico, più crescono e si allungano le nuove conversazioni su Tinder. E diventano internazionali. Dal 26 marzo al 30 aprile, infatti, è stata data la possibilità gratuitamente a tutti, grazie a un aggiornamento di sistema, di decidere in quale città uscire, anche se per ora solo virtualmente, per conoscere persone nuove che vivono anche molto lontane dalla propria area.

Leggi anche:  1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

587
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.