Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Coronavirus, scoperti due nuovi sintomi dell’infezione nei bambini

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 4 Set. 2020 alle 10:17 Aggiornato il 4 Set. 2020 alle 10:34
30
Immagine di copertina
Credit: EPA/FELIPE TRUEBA

Sintomi Covid nei bambini: diarrea e vomito

Diarrea e vomito potrebbero essere un segnale importante di infezione da Covid-19 nei bambini. È quanto emerge da un nuovo studio che potrebbe portare a un nuovo aggiornamento dell’elenco dei sintomi ufficiali da Coronavirus. La lista che identifica i sintomi da Covid nei bambini attualmente ne include solo tre: febbre alta, tosse e perdita dell’olfatto o del gusto. Quest’ultimo sintomo è stato aggiunto alla lista lo scorso maggio.

Numerosi studi condotti invece su soggetti adulti hanno portato a individuare come sintomi principali dolore muscolare, affaticamento, confusione, dolori al petto e disturbi allo stomaco. Tra questi, una ricerca del King’s College di Londra, ha scoperto che i sintomi che si manifestano negli adulti rientrano in sei gruppi principali, uno dei quali è quello relativo ai problemi gastrointestinali.

Il nuovo studio condotto dai ricercatori della Queen’s University di Belfast sembrerebbe confermare che il mal di stomaco sia un sintomo del Covid-19 nei bambini. “Nel nostro gruppo, la diarrea e il vomito erano più predittivi rispetto alla tosse o persino ai cambiamenti nell’olfatto e nel gusto”, ha spiegato il dottor Tom Waterfield, il primo autore della ricerca. “Se si vuole diagnosticare l’infezione nei bambini, dobbiamo iniziare a guardare a sintomi come diarrea e vomito, non solo quelli relativi al tratto respiratorio”.

Lo studio si è svolto tra il 6 aprile e il 3 luglio e ha coinvolto più di 990 bambini di operatori sanitari di tutto il Regno Unito di età compresa tra i 2 e i 15 anni. Nessuno era stato ricoverato in ospedale per Covid-19. Ai bambini è stato prelevato un campione di sangue, testato per gli anticorpi contro il Coronavirus, e sono stati anche raccolti dati sull’eventuale comparsa di sintomi. I ricercatori hanno scoperto che 68 bambini – il 6,9 per cento del totale – avevano sviluppato gli anticorpi per la malattia, e che quindi avevano contratto il Covid-19. Metà di questi riferiva di avere sintomi. Alcuni tra questi sintomi erano particolarmente comuni, con il 31 per cento dei 68 bambini che riportava febbre, il 18 per cento riportava mal di testa e il 19 per cento riportava sintomi gastrointestinali come diarrea, vomito e crampi allo stomaco.

Secondo gli esperti questo studio dovrebbe in qualche modo rassicurare i genitori. “Molti bambini quest’inverno avranno il raffreddore, ma ora sapremo che non sarà da interpretare come un sintomo da Covid”, spiega il dottor Waterfield. Il professor Tim Spector, del King’s College di Londra, sostiene che i risultati dello studio siano in sintonia con la ricerca del suo team. “I nostri dati su quasi 250mila bambini dell’app di studio sui sintomi Covid suggeriscono che i bambini risultati positivi al test hanno una vasta gamma di sintomi e che la tosse non è così comune nei bambini come negli adulti”, ha spiegato.

Danny Altmann, professore di immunologia all’Imperial College di Londra, ha aggiunto: “Questo è uno studio importante, che insieme ai dati precedenti degli utenti dell’app del Kings College, inizia a costruire il caso per includere i sintomi gastrointestinali tra i criteri di definizione del caso Covid-19”.

Leggi anche: “Siamo in 400, si balla, vieni anche tu”: reportage da Gallipoli, tra party clandestini e giovani negazionisti (TPI Reportage di Marta Vigneri)/ 2. Casi simil-Covid: “Rilevati pazienti con pochi sintomi, tamponi negativi e polmoniti interstiziali in corso” (di Anna Ditta)

30
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.