Coronavirus, ancora troppi anziani in giro? Un sindaco del Salento fa rimuovere le panchine

"Ha funzionato benissimo, molto più delle minacce", ha spiegato il primo cittadino di Sannicola

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 20 Mar. 2020 alle 07:54
1.3k
Immagine di copertina
Il comune di Sannicola

Troppi anziani in piazza, sindaco fa smontare le panchine

Il sindaco di un comune del Salento, Sannicola, ha deciso di fare smontare le panchine nella piazza principale del Paese per evitare che si creassero assembramenti di anziani. Nonostante le misure restrittive e l’invito a stare a casa per l’emergenza Coronavirus, infatti, gli abitanti del comune pugliese continuavano a incontrarsi in piazza, non curanti delle regole imposte dal governo messe in atto per contenere il propagarsi del virus. Inoltre, i “disobbedienti” erano proprio gli anziani che sono tra i soggetti più vulnerabili al Covid-19. Il sindaco Cosimo Piccione non aveva alternative, togliere le panchine da piazza della Repubblica era l’ultima opzione che aveva a disposizione per far comprendere ai cittadini la gravità della situazione.”La misura ha funzionato benissimo – spiega il primo cittadino -, molto più delle minacce di sanzioni da parte della polizia municipale. Ogni volta che le rimproveravamo queste persone si allontanavano, ma appena i vigili non erano più in zona si risiedevano lì. L’unica soluzione era togliere le panchine”.

Il sindaco del comune del Salento spiega che la piazza della Repubblica è una delle più grandi dell’intera provincia e transennarla sarebbe stato complicato. “Così facendo abbiamo debellato al 100 per cento il problema. Il resto della popolazione ha apprezzato la misura. In questi giorni stiamo anche chiudendo i parchi e rimuovendo le panchine da tutti i giardini e le piazze aperte. Il risultato finora è stato eccellente. Del resto, questa guerra la si può vincere applicando il rigore, andando anche oltre le normali misure e usando il buon senso”.

Leggi anche: 1. Stefano e Matteo, adolescenti diventati adulti per il Coronavirus: “Mamma e papà lavorano in ospedale, ai nostri fratellini badiamo noi” / 2. Bergamo, qui hanno smesso di suonare le campane per non far soffrire le persone

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.