Covid ultime 24h
casi +17.246
deceduti +522
tamponi +160.585
terapie intensive -22

Coronavirus, record di multe per un uomo a Mondello: “Vado in spiaggia e pago, sono un uomo libero”

Di Angelica Pansa
Pubblicato il 17 Apr. 2020 alle 15:45 Aggiornato il 17 Apr. 2020 alle 16:04
406
Immagine di copertina
Coronavirus, a Palermo un uomo fa il record di multe per andare al mare a Mondello (Credit: Ansa)

Coronavirus, un uomo fa il record di multe a Palermo perché “non può rinunciare al mare”

Domenico Finazzo è un ex imprenditore siciliano di 62 anni. Negli scorsi giorni ha ricevuto cinque multe per aver violato le limitazioni degli spostamenti dovute all’epidemia di Coronavirus, per essere andato al mare, alla spiaggia di Mondello, a Palermo, a cui non può rinunciare. Intervistato da Repubblica l’ex imprenditore ha confessato di aver accumulato un totale di 1.500 euro di sanzioni.

Sono un uomo libero e voglio continuare a fare ciò che voglio. Quando guardo il mare mi rilasso”, così l’ex imprenditore siciliano Domenico Finazzo ha motivato la sua scelta di continuare a violare le prescrizioni anti-contagio da Coronavirus per recarsi in spiaggia. “Non voglio rinunciare al mare e al sole” ha raccontato in un’intervista il ribelle palermitano, recordman di sanzioni: cinque multe, da 300 euro e passa ciascuna, in cinque giorni.

L’ex imprenditore, un tempo proprietario di un supermercato ora chiuso, sembrerebbe non avere neanche tutta questa necessità di evadere la quarantena possedendo lui una grande villa con piscina a Passo di Rigano, un quartiere periferico del capoluogo siciliano ma lui preferisce “la sabbia e il mare” al cemento. E niente può fermarlo: né la paura del contagio, in quanto si reputa “immune a quel morbo“, né l’elicottero della polizia che è dovuto intervenire per allontanarlo dalla spiaggia.

Il Coronavirus per lui è un’esagerazione, e le misure sono “prescrizioni assurde” a cui non si piega. Ma assicura: “Non mi sono mai ribellato alle forze dell’ordine. Ho sempre detto di scrivere, tanto sarei tornato comunque al mare il giorno dopo. Sono sereno, non voglio offendere nessuno col mio atteggiamento. Semplicemente la penso diversamente”. Infatti, ha assicurato che  è assolutamente intenzionato a pagare le multe: “Posso permettermelo, vivo di rendita“. E alla domanda  se continuerà ad andare al mare, Finazzo risponde: “Il sole guida le mie scelte“.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI -Coronavirus, lavoratori finiti in terapia intensiva e giovani ricattati: così la Dalmine in Lombardia ha tenuto aperte anche le attività produttive non essenziali. Gli operai “Abbiamo paura di contagiare le nostre famiglie” /2. Il caso: a Torino ci sono centinaia di potenziali malati Covid di cui non si ha traccia/3. Coronavirus, quando si potrà tornare a viaggiare /4. Il governo ha scelto l’app per il tracciamento dei contagi: si chiamerà “Immuni”. Ecco come funziona

406
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.