Coronavirus:
positivi 95.262
deceduti 17.669
guariti 26.491

Coronavirus, nuova emergenza in Lombardia: 51 ricoveri in una notte. E tra Fontana e Sala è scontro

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 28 Feb. 2020 alle 13:34 Aggiornato il 28 Feb. 2020 alle 13:39
468

Coronavirus, nuova emergenza in Lombardia: 51 ricoveri in una notte. Scontro Fontana-Sala

Mentre le autorità sanitarie invitano il Paese alla calma, cercando di ridurre al minimo il panico a causa dell’epidemia di Coronavirus che ha colpito l’Italia, la regione Lombardia si ritrova ad affrontare un’altra emergenza: “Purtroppo – ha dichiarato il presidente Attilio Fontana – questa notte a Lodi c’è stato un affollamento di ricoveri: 51 ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva”.

Il governatore lombardo è intervenuto stamattina nel corso della trasmissione di La7 L’Aria che tira. Ed è stato in questa occasione che ha raccontato della nuova ondata di ricoveri nella notte in Lombardia: “Lodi non ha un numero sufficiente di camere di terapia intensiva – ha detto – per cui sono stati trasferiti in altre terapie intensive della Regione. Se si ridesse meno della mascherina e si guardasse il problema più attentamente credo che sarebbe saggio”.

Un riferimento, per nulla velato, alla polemica che lo ha travolto nei giorni scorsi, quando Fontana – dopo aver scoperto della positività di una sua assistente in Regione – si è presentato con una mascherina sul viso, attirandosi molte critiche per l’eccessivo allarmismo.

Nel frattempo, è salito a 406 il numero dei contagiati in Lombardia. Tre in più rispetto a ieri. Di questi, secondo quanto ha dichiarato l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, “216 sono ospedalizzati. Più della metà di loro è asintomatico, è a casa e sta bene. Sono stati invece dimesse finora 37 persone”.

Scontro tra Fontana e Sala sull’iniziativa “Milano riparte”

Nel frattempo, stamattina c’è stata anche una polemica a distanza tra il sindaco di Milano, Beppe Sala, e il governatore lombardo Fontana. Quest’ultimo, infatti, si è detto in disaccordo con l’iniziativa del primo cittadino meneghino di lanciare “Milano non si ferma” e riaprire la città nonostante l’emergenza coronavirus in tutta la Lombardia.

“Se tutti parlassimo meno, sarebbe meglio”, ha detto Fontana in un’intervista a Repubblica, anche perché “queste sono scelte che non competono a nessuno tranne che agli scienziati”, in particolare a “quelli che erano seduti davanti a me e al ministro Speranza quando abbiamo deciso l’ordinanza”.

“Se il professor Ricciardi – ha aggiunto il governatore – mi dice che abbiamo accertato che è tutto finito sarei il primo ad esserne felice. Non abbiamo preso quella decisione per penalizzare i cittadini lombardi. Abbiamo fatto quello che ci è stato chiesto di fare. Io e soprattutto il ministro Speranza. Se l’Istituto superiore di Sanità dice che va bene, per me è ok. Ma se dice no: fermi tutti, io dico di no”.

Leggi anche:

Coronavirus in Sicilia, Musumeci: “Meglio se dal Nord non vengono qui: controlli insufficienti”

Lo studio scientifico che aveva previsto il coronavirus un anno fa: “Partirà dalla Cina, dobbiamo prevenirlo”

TPI REPORTAGE da Codogno, il paese fantasma con l’incubo del contagio da Coronavirus (di Giulio Cavalli)

“I miei colleghi spargevano il sale al mio passaggio”: il caso dei giornalisti in quarantena per il Coronavirus (di Selvaggia Lucarelli)

Caro Fontana, il tuo selfie da psicosi è un insulto all’Italia che affronta il virus con dignità

Coronavirus, l’infermiera entrata in contatto con il paziente 1 ha violato la quarantena (di Franco Bagnasco)

Coronavirus in Italia, Burioni a TPI: “Chi è tornato dalla Cina senza sintomi doveva essere isolato. Ora niente panico: quarantena per tutti i possibili infetti”

Caro Burioni, la mia fede nella scienza non vacilla. Quella in te invece sì (di Selvaggia Lucarelli)

Il vero “malato d’Italia” è la politica, e le penose risse sul Coronavirus lo dimostrano (di L. Zacchetti)

468
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.