Coronavirus, il 29enne positivo: “Anche noi giovani siamo vulnerabili”

La storia di Gabriele Mattia De Angelis, 29 anni, romano che si è ammalato in Trentino. L'appello ai giovani lanciato su Facebook

Di Antonio Scali
Pubblicato il 18 Mar. 2020 alle 18:12
1.4k
Immagine di copertina
Credit: Facebook / Gabriele Mattia De Angelis

Coronavirus, il 29enne positivo: “Anche noi giovani siamo vulnerabili”

Ha fatto scalpore la notizia di un 29enne risultato positivo al Coronavirus. Spesso infatti si è detto o pensato che Covid-19 attaccasse principalmente o quasi esclusivamente le persone anziane, eppure non sempre è così. Lo testimonia Gabriele Mattia De Angelis, un ragazzo di appunto soli 29 anni, che ha contratto il virus. Per questo ha deciso di lanciare un appello a tutti i suoi coetanei tramite un post su Facebook.

“Mi sentivo invincibile. E invece eccomi in ospedale a combattere contro il Coronavirus”. Un appello lanciato dal letto di ospedale Rovereto, dove è ricoverato dal 15 marzo. Gabriele ammonisce i più giovani con parole che fanno riflettere: “Non è vero che non può colpirvi, farvi male, farvi soffrire o anche peggio”.

“Lavoravo in un noleggio sci a Canazei, in Val di Fassa – spiega il giovane – una nota località sciistica che dall’inizio dell’anno è stata frequentata anche da persone provenienti dalla cosiddetta zona rossa: ero lì per fare la stagione invernale”. Probabilmente proprio in quel contesto il romano ha contratto il Coronavirus.

“Dopo varie complicazioni a casa per quattro giorni, una sera sono stato costretto a chiamare l’ambulanza. Una volta arrivato in ospedale mi hanno fatto il tampone e dopo circa otto ore ho saputo di essere positivo”. Gabriele racconta anche i sintomi del virus: “Febbre, tosse, mal di gola, dolori ai muscoli e alle ossa, ma anche difficoltà a respirare dovute alla polmonite”.

Ai suoi coetanei dice: “Mi sentivo invincibile, all’inizio davo poco peso a questo virus. Dal nulla, invece, mi ritrovo ricoverato in ospedale. Siamo tutti vulnerabili, per questo dovete stare a casa. Non è vero che non può colpirvi, farvi male, farvi soffrire o anche peggio: io sono sempre stato sportivo, in salute e sono la testimonianza vivente di quanto può succedervi qualora veniste contagiati. Nessuno merita questo, dal giovane all’anziano: vedo gente che va al parco o che va a fare la spesa continuamente. Per favore, state a casa”.

Leggi anche: 1. Il paradosso dei tamponi per il Coronavirus: se un calciatore è positivo fanno test a tutta la squadra, ma non ai medici in prima linea /2. Mascherine gratis per tutti: l’azienda italiana tutta al femminile che ha convertito la produzione industriale per il Coronavirus

3. Coronavirus, i ricercatori cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi” /4. Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.