Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Coronavirus, farmacista veneto denuncia: “Le mascherine fornite dalla Regione non servono a nulla” | VIDEO

In un filmato, diventato virale sul web, un farmacista mostra come testare l'efficacia delle mascherine, ma l'esperimento lascia più di qualche dubbio

Coronavirus, farmacista veneto denuncia: “Inutili le mascherine della Regione”

È diventato virale il video di un farmacista veneto che denuncia l’inutilità delle mascherine fornite gratuitamente dalla Regione come protezione dal Coronavirus. Nel filmato, infatti, il farmacista mette a confronto la mascherina veneta con altri tipi di protezioni, sottolineando che la mascherina serve a evitare che “gli starnuti non escano evitando di contaminare qualcuno”. Il farmacista, poi, spiega come testare l’efficacia di una mascherina: ovvero prendendo un accendino e soffiando sulla fiamma. Se il fuoco si spegne significa che dalla mascherina filtra troppa aria; al contrario se la fiamma resta accesa vuol dire che la mascherina filtra talmente tanta aria da non permettere al fuoco di spegnersi.

Il risultato dell’esperimento testato nel video del farmacista è che tutte le mascherine sembrano funzionare, tranne quella per l’appunto fornita dalla regione Veneto. “Fate la prova con quella che avete a casa voi, se questa non ferma niente ma perché la devo mettere? – afferma l’autore del video – Magari una che ferma potrebbe essere più utile. Mettete l’accendino davanti e soffiate o starnutite o fate qualcosa. Se non serve, buttatela via perché non serve a niente”. C’è da dire che le mascherine fornite dalla Regione non sono catalogata come dispositivi di protezione individuale. L’azienda che le ha prodotte, infatti, non le definisce neppure mascherine ma “schermi filtranti”, mentre lo stesso Zaia l’ha descritta sui social come uno strumento che “ha tutte le caratteristiche per fornire un’ottima protezione per circa l’80% della popolazione, ad esclusione dell’uso prettamente sanitario e chirurgico”.

In molti, inoltre, si sono chiesti se il test dell’accendino sia realmente efficace per testare la qualità della mascherina e il suo livello di protezione dal Coronavirus. Scientificamente non c’è nulla di comprovato in questo test fai da te. Vi sono, infatti, diversi fattori che andrebbero valutati: dalla forza del soffio fino alla distanza. Il test, inoltre, si può rivelare anche pericoloso perché rischia di incendiare la mascherina stessa, causando bruciature al viso. La certezza di possedere mascherine efficaci e sicure si può avere solo grazie alle certificazioni presenti in ogni confezione contenente la mascherina.

Leggi anche: 1. Galli a TPI: “La Lombardia ha fallito. Riaprire le aziende? Rischioso, ancora un mese di stop” / 2. Le ultime notizie sull’epidemia in Italia

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Perseguita il sacerdote, 62enne rischia processo per stalking
Cronaca / Covid, in chiesa tornano il segno della pace e le acquasantiere: le nuove regole della Cei
Cronaca / Maurizio Costanzo condannato a un anno: diffamò il gip del caso Gessica Notaro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Perseguita il sacerdote, 62enne rischia processo per stalking
Cronaca / Covid, in chiesa tornano il segno della pace e le acquasantiere: le nuove regole della Cei
Cronaca / Maurizio Costanzo condannato a un anno: diffamò il gip del caso Gessica Notaro
Cronaca / Auto fuori strada in Umbria, quattro giovani morti
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Cronaca / “I pediatri hanno troppi pazienti”: coppia non riesce a far visitare il figlio di 20 mesi con la febbre alta per una settimana
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea