Coronavirus:
positivi 14.884
deceduti 34.833
guariti 191.467

Napoli, ha il Coronavirus ma viene curato con lo sciroppo: muore un 60enne

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 1 Giu. 2020 alle 08:01
297
Immagine di copertina
Luigi Starita Credits: Facebook

Aveva il Coronavirus ed è stato curato con un po’ di sciroppo. Nessun medico ha mai prescritto un tampone e Luigi Starita, cittadino 60enne di Piano di Sorrento, è morto lo scorso 30 marzo all’ospedale di Loreto Mare. Dopo il danno la beffa: solo quattro ore dopo il decesso, la Asl si decide a comunicare in famiglia ciò che già sapevano tutti, ovvero che il paziente era risultato positivo al Covid-19.

Rappresentati dal legale Gennaro Razzino, gli stretti congiunti di Luigi Starita chiedono ora alla Procura di Torre Annunziata il sequestro delle cartelle cliniche, sia al Loreto Mare, sia nell’ospedale di Piano di Sorrento. E oggi sul quotidiano Il Mattino Viviana Starita, figlia del pensionato deceduto denuncia: “Mio padre godeva di ottime condizioni di salute, è morto perché non è stato curato”.

L’agonia  di Luigi è durata ben 22 giorni. Il 19 marzo scorso, di fronte al peggioramento delle condizioni di salute, arriva l’ambulanza del 118. Non escono dall’auto, si limitano a chiedere alla figlia di andare ad acquistare una bombola di ossigeno, ampliando il potenziale rischio di contagio nel paese: “Da sola – racconta Vivana Starita – ho somministrato l’ossigeno a mio padre, tanto che fummo costretti di lì a poco a chiamare di nuovo il 118″.

Finalmente nell’ospedale di Sorrento una radiografia e il tampone, che viene spedito al Cotugno, mentre la famiglia viene informata del fatto che mancano medicinali antivirali, spingendo la figlia a fare una ricerca personale con tanto di pec ai carabinieri e al prefetto per la consegna. Intanto, è il 24 marzo, c’è il trasferimento al Loreto mare, dove l’uomo arriva gravissimo. Il 30 marzo, quattro ore dopo la morte di Luigi Starita, l’Asl si preoccupa di informare la famiglia che il tampone (inutilmente chiesto per quindici giorni) aveva dato esito positivo e che doveva scattare la quarantena. Troppo tardi. L’unica cosa che la famiglia può ancora chiedere è un po’ di giustizia con la Procura.

Leggi anche:

1. Mancata zona rossa Alzano-Nembro, il Viminale smentisce la Procura di Bergamo che invece ha già “assolto” Regione Lombardia. Fontana e Gallera potevano farla se avessero voluto / 2. Avellino, il sindaco festeggia insieme ai giovani: movida fuori controllo | VIDEO / 3. Ma quale colpa del Governo, le Regioni che volevano hanno istituito 117 zone rosse. Anche la Lombardia poteva

4. “Vi spiego cosa intendevo quando ho detto che la Lombardia aggiusta i numeri sul Covid”: Cartabellotta a TPI / 5. Sala ora fa la voce grossa con i gilet arancioni, ma quella manifestazione a Milano chi l’ha approvata? / 6. Caso Baffi: il PD si ritira dalla Commissione d’Inchiesta sul Covid in Regione Lombardia

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

297
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.