Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coprifuoco alle 23 e sale ristoranti al chiuso aperte: cosa può cambiare da domani

Immagine di copertina

Domani la cabina di regia deciderà se spostare il coprifuoco alle 23 e se aprire le sale al chiuso dei ristoranti e dei pub.

In realtà la decisione sembra ormai come già presa, salvo colpi di scena dell’ultima ora il coprifuoco dovrebbe slittare alle ore 23 a partire da lunedì 24 maggio.

La Lega di Salvini e dall’opposizione Fratelli d’Italia chiedono una riapertura totale da subito, ma il ministro della Salute Roberto Speranza chiede prudenza. Mario Draghi tenterà la mediazione, ma è chiaro che la sua sarà la linea della prudenza: si aprirà, ma senza “sbragare”.

E che sarà così lo si è capito dal fatto che al netto delle decisioni che la Cabina di regia prenderà domani, si attenderà comunque il monitoraggio di venerdì 21 maggio prima di dare seguito alle maggiori libertà a lungo richieste.

Riapertura sale al chiuso

La riapertura delle sale al chiuso di ristoranti e pub è prevista al momento per il giorno 1 giugno, ma il centrodestra preme per una riapertura anticipata. Salvini ha chiesto una riapertura almeno al 50 per cento delle sale senza spiegare il significato della sua richiesta, dal momento che comunque le riaperture prevedono dei requisiti di distanziamento tra i tavoli che ridurranno la capienza delle sale interne.

Per i bar si va verso l’accordo sul servizio al bancone che questo governo aveva vietato, a differenza del governo Conte che non aveva mai vietato il servizio al bancone del bar. Non è chiaro se tale “libertà” sarà concessa dal 24 maggio o se bisognerà aspettare l’1 giugno.

Piscine e parchi tematici

Per le piscine nulla è stato previsto, ma si presume e si spera in una riapertura l’1 giugno. Mentre i parchi tematici dovranno attendere l’1 luglio.

Leggi anche: 1. Coprifuoco e riaperture, pronte le nuove misure del Governo. È la settimana decisiva / 2. Sileri: “Addio mascherine quando avremo 30 milioni di italiani vaccinati” / 3. Massa Carrara, tirocinante 23enne riceve per errore sei dosi di vaccino: ricoverata in osservazione

4. Vacanze al mare: il calendario della riaperture delle spiagge, regione per regione / 5. Come funziona il Green Pass: da metà maggio tornano i turisti in Italia /6. Estate: green pass, coprifuoco spostamenti. Tutte le regole per le vacanze

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Cronaca / Covid, rallenta la crescita dell’Rt: da 1,54 passa a 1,31
Cronaca / “Negli ospedali solo con il super Green pass”: fa discutere la circolare della regione Puglia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Cronaca / Covid, rallenta la crescita dell’Rt: da 1,54 passa a 1,31
Cronaca / “Negli ospedali solo con il super Green pass”: fa discutere la circolare della regione Puglia
Cronaca / Lettera di minacce al ministro Orlando. Indagini su sostanza all’interno della busta
Cronaca / Green pass, esentati alimentari e farmacie: Draghi firma il nuovo Dpcm
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa