Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Coi loro occhi”: genitori e figli, il documentario in 4 puntate che racconta un anno tra Dad e smartworking

Immagine di copertina

Tutto è nato un anno fa, durante il primo lockdown, quando per tre mesi siamo rimasti chiusi nelle nostre case tutti insieme, mamma, papà e figli. In quei giorni abbiamo chiesto ad alcuni genitori di raccontare le proprie giornate e di registrare alcune delle loro emozioni, facendosi da soli dei video col cellulare. Tra smartworking e didattica a distanza sono passati sei mesi, e a settembre del 2020, gli abbiamo chiesto di rifare la stessa cosa, e cioè di girare altri video col cellulare ma questa volta raccontando il rientro a scuola dei loro figli e la convivenza col virus, fino ai giorni nostri.

È dalla raccolta di questi materiali amatoriali che è nato un mini documentario: un viaggio  in pillole da nord a sud – dentro e (quando permesso dai Dpcm) fuori le mura domestiche – attraverso le testimonianze di genitori e bambini che ripercorrono i momenti chiave di quest’anno così diverso dai precedenti. Le quarantene, i nonni tenuti forzatamente lontani, le scuole chiuse, la socialità sospesa e lo smartworking tra call e figli in giro per la casa. E poi il ritorno in classe a settembre tra mascherine e presa della temperatura la mattina, tra abbracci negati e un nuovo modo di vivere la scuola. Il racconto ‘da dentro’ della vita reale ai tempi del Coronavirus spalmato su un arco temporale lungo, un intero anno di pandemia durante il quale le famiglie hanno dovuto ripensare drasticamente la propria organizzazione quotidiana e la propria routine.

 Puntata 1 – Il lockdown dei bambini

 

C’è chi riesce a barcamenarsi come Antonella e le sue due figlie grandicelle che seguono le lezioni online in camera da letto, in autonomia, mentre lei lavora in cucina; ma c’è anche chi ha più difficoltà nel gestire questa novità magari perché ha tanti bambini piccoli in casa, nessun computer a disposizione per la didattica a distanza del figlio o magari perché deve lavorare e vive la frustrazione di non poter aiutare la sua bambina con la lezione online. Fior fior di esperti ritengono che le donne sono quelle che in famiglia hanno maggiormente risentito di questa pandemia perché ancora nel 2021 c’è chi rischia di perdere il posto di lavoro perché inconciliabile con il ruolo di madre.

Puntata 2 – La didattica a distanza

 

Così alcune donne hanno vissuto quest’anno di pandemia: con la paura di vedersi sfuggire tra le dita la propria carriera. Mariella è una di esse. Quest’anno si è dedicata esclusivamente alle cure del proprio figlio disabile perché ai tempi del Covid l’assistenza domiciliare è stata sospesa. E i bambini, loro, come hanno vissuto il primo lockdown e la chiusura delle scuole? E come è stato il ritorno in classe a settembre pur sempre alle prese con la didattica online? “Coi loro occhi” è un video-diario corale girato con uno sguardo intimo, è il selfie-racconto privato fatto da alcuni genitori forti e fragili allo stesso tempo.

Puntata 3 – Mamme in smartworking

 

Questo lavoro è dedicato a loro. È dedicato ai genitori incupiti e indeboliti dalla pesantezza di quest’anno nebbioso, doloroso, vigliacco e pieno di restrizioni. Oggi più che mai, seppur stanchi e provati, su, coraggio! Guardando indietro, diamoci una pacca sulla spalla e diciamocelo: il peggio è ormai passato e noi siamo stati bravi.

Puntata 4 – La convivenza col virus

 

Leggi anche: 1. Bambini (e genitori) di nuovo chiusi in casa a un anno dal lockdown. No, non è andato tutto bene (di N. Di Francesco) /2. Basta con la retorica dei bimbi martiri del Covid ed eroi della Dad, così non li aiutiamo: l’infanzia negata è ben altra cosa (di A. Carluccio) /3. “La scuola in presenza non aumenta la curva dei contagi”: lo studio su 7,3 milioni di studenti

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera del geologo a Jovanotti: “Nessuno ti critica per invidia, ti spiego perché il tuo evento danneggia l’ambiente”
Cronaca / Roma, studentessa norvegese presa a calci a Campo de’ Fiori da un coetaneo: “Ho rifiutato di fare sesso con lui”
Cronaca / Sgabri, multa di 500 euro per aver usato il lampeggiante in Svizzera: “Qui non ci torno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera del geologo a Jovanotti: “Nessuno ti critica per invidia, ti spiego perché il tuo evento danneggia l’ambiente”
Cronaca / Roma, studentessa norvegese presa a calci a Campo de’ Fiori da un coetaneo: “Ho rifiutato di fare sesso con lui”
Cronaca / Sgabri, multa di 500 euro per aver usato il lampeggiante in Svizzera: “Qui non ci torno”
Cronaca / Caldo, Ministero della Salute: dall’1 al 15 luglio mortalità aumentata del 21%
Cronaca / Napoli, albero in fiamme durante un compleanno. Invitati ridono e brindano | VIDEO
Cronaca / Rimini, mega truffa in hotel: 500 prenotazioni per 40 posti e caparre sparite
Cronaca / Milano, bambino di 11 anni viene travolto e ucciso da pirata della strada che si è costituito nella notte
Cronaca / Venezia, tenta di uccidere la moglie con una balestra e poi si suicida
Cronaca / Maxitruffa a Rimini: 500 persone versano la caparra per una stanza d’albergo che non c’è
Cronaca / Rovigo, fa il bagno a mezzanotte e scompare. Lo ritrovano vivo dopo nove ore