Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Clochard sposi a Como. Un amore nato sulle panchine

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 27 Mag. 2020 alle 19:06 Aggiornato il 27 Mag. 2020 alle 19:08
138
Immagine di copertina
Credit: Facebook City Angels Como

Due clochard di Faloppio – in provincia di Como – si sono sposati in comune. Silvia e Alessandro si erano conosciuti dieci anni fa sulle panchine della loro città e il 20 maggio hanno deciso di unirsi in matrimonio festeggiando con le persone che vivono nel dormitorio locale, insieme ai volontari della Caritas, della Croce Rossa e dei City Angels.

Alla Provincia di Como raccontano la loro storia d’amore: “In poco più di un’ora Alessandro mi ha raccontato tutta la sua vita. Mi ha insegnato che dimostrare affetto e amore non è un male. Non ero abituata a farlo, essendo cresciuta senza abbracci ed espressioni di affetto”, ha spiegato Silvia.

I clochard sposi si erano conosciuti nel febbraio del 2010 a piazza Vittoria a Como. Silvia stava all’epoca con l’ex fidanzato e aveva dato il numero di cellulare ad Alessandro per mettere il suo ex in contatto con il suo futuro marito. I due si sono in seguito riavvicinati e si sono fidanzati nel maggio dello stesso anno.

Oggi, dopo 10 anni, i due sono marito e moglie e nonostante il difficile futuro che li aspetta si sono promessi di restare insieme per sempre. Alessandro assicura: “Qualsiasi cosa succeda saremo sempre uniti”.

Clochard sposi, il commento di Silvia

Silvia su Facebook commenta così il giorno delle sue nozze: “Il 20 Maggio mi sono sposata, voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato a rendere quel giorno memorabile e indimenticabile, ringrazio tutti: gli ospiti, i responsabili, i volontari che sono passati per un saluto o per festeggiare insieme. Ringrazio tutti quelli che ci hanno fatto un regalo”. Poi continua felice ringraziando una signora che “è venuta a farmi gli auguri e un piccolo dono, mi ha fatto piangere, perché come me ha pochissimo, e mi ha fatto questo regalo”.

LEGGI ANCHE:
1. “Ho vissuto 25 anni da senzatetto, se volete davvero aiutarli ecco l’unica cosa che serve” 2. In Irlanda i senzatetto diventano guide turistiche: “Restituiamo loro la dignità”

138
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.