Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Clochard sposi a Como. Un amore nato sulle panchine

Immagine di copertina
Credit: Facebook City Angels Como

Due clochard di Faloppio – in provincia di Como – si sono sposati in comune. Silvia e Alessandro si erano conosciuti dieci anni fa sulle panchine della loro città e il 20 maggio hanno deciso di unirsi in matrimonio festeggiando con le persone che vivono nel dormitorio locale, insieme ai volontari della Caritas, della Croce Rossa e dei City Angels.

Alla Provincia di Como raccontano la loro storia d’amore: “In poco più di un’ora Alessandro mi ha raccontato tutta la sua vita. Mi ha insegnato che dimostrare affetto e amore non è un male. Non ero abituata a farlo, essendo cresciuta senza abbracci ed espressioni di affetto”, ha spiegato Silvia.

I clochard sposi si erano conosciuti nel febbraio del 2010 a piazza Vittoria a Como. Silvia stava all’epoca con l’ex fidanzato e aveva dato il numero di cellulare ad Alessandro per mettere il suo ex in contatto con il suo futuro marito. I due si sono in seguito riavvicinati e si sono fidanzati nel maggio dello stesso anno.

Oggi, dopo 10 anni, i due sono marito e moglie e nonostante il difficile futuro che li aspetta si sono promessi di restare insieme per sempre. Alessandro assicura: “Qualsiasi cosa succeda saremo sempre uniti”.

Clochard sposi, il commento di Silvia

Silvia su Facebook commenta così il giorno delle sue nozze: “Il 20 Maggio mi sono sposata, voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato a rendere quel giorno memorabile e indimenticabile, ringrazio tutti: gli ospiti, i responsabili, i volontari che sono passati per un saluto o per festeggiare insieme. Ringrazio tutti quelli che ci hanno fatto un regalo”. Poi continua felice ringraziando una signora che “è venuta a farmi gli auguri e un piccolo dono, mi ha fatto piangere, perché come me ha pochissimo, e mi ha fatto questo regalo”.

LEGGI ANCHE:
1. “Ho vissuto 25 anni da senzatetto, se volete davvero aiutarli ecco l’unica cosa che serve” 2. In Irlanda i senzatetto diventano guide turistiche: “Restituiamo loro la dignità”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Lo spot sul Parmigiano Reggiano fa arrabbiare il web: “Sfruttamento del lavoro”. L’azienda: “Lo cambieremo”
Cronaca / Covid: Bolzano in zona gialla da lunedì, cinque regioni a rischio entro Natale
Cronaca / “Noi studenti schiavi della lode”