Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Torino, i clienti tornano al pub per recuperare il portafogli, il proprietario spara colpi di pistola per mandarli via

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 14 Set. 2020 alle 10:33
99
Immagine di copertina

Torino, i clienti tornano al pub per recuperare il portafogli, il proprietario spara colpi di pistola per mandarli via

Accade nel torinese: i clienti fanno ritorno al pub dopo essersi resi conto di aver smarrito il portafogli, ma l’accoglienza del proprietario non è quella che ci si sarebbe aspettata. L’uomo avrebbe infatti sparato dei colpi di pistola in aria per intimidire i clienti e farli andar via. La vicenda è accaduta nella birreria Manhattan, nel quartiere Borgo Vittoria a Torino. Il proprietario del locale è un uomo di 60 anni con precedenti penali alle spalle che non ha apprezzato il ritorno dei clienti dopo l’orario di chiusura.

Quando, infatti, hanno chiesto di entrare nel locale per cercare l’oggetto smarrito, è nata una discussione e, quando la situazione è degenerata, il proprietario ha impugnato una pistola, è uscito dal locale e ha sparato in aria per intimidire i clienti. Tutto il quartiere ha avvertito il suono degli spari e poco dopo sono intervenuti i carabinieri, i quali hanno trovato nello zaino del titolare un revolver “Smith & Wesson”, calibro 38 con 5 proiettili e un bussolo inserito nel tamburo, oltre ad altre tre munizioni dello stesso calibro. In più, come riporta Repubblica, hanno scoperto che l’arma è stata rubata nel 2014 e sarà inviata al Ris di Parma per verificare se sia stata utilizzata in precedenza per commettere reati. Il proprietario del locale è stato ammanettato e dovrà rispondere di detenzione e porto abusivo di armi, minaccia aggravata e ricettazione.

Leggi anche:

1. Padova, nonno fa retromarcia e uccide la nipotina di un anno / 2. Maria Paola Gagliano, il messaggio del compagno Ciro: “Amore mio non posso accettarlo, ti amerò per sempre”

99
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.