Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ecco chi sono gli operai morti in un’azienda agricola di Arena Po, nel Pavese

Immagine di copertina

Le quattro vittime erano tutte di origine indiana

Chi sono gli operai morti in un’azienda agricola di Arena Po, nel Pavese

Due fratelli titolari della società e due dipendenti: ecco chi sono i quattro operai morti nella tarda mattinata di giovedì 12 settembre in un’azienda agricola di Arena Po, nel Pavese.

La tragedia è avvenuta all’ora di pranzo. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, uno degli operai è entrato nella vasca di compostaggio dei fertilizzanti per un’operazione di spurgo quando è stato travolto dai liquami. Gli altre tre, nel tentativo di salvarlo, sono entrati a loro volta nella vasca, annegando, probabilmente dopo aver perso i sensi a causa dell’anidride carbonica esalata dai liquami.

Incidenti sul lavoro: 4 operai morti in un’azienda agricola nel Pavese

Le vittime, tutte di nazionalità indiana, sono i titolari dell’azienda agricola, i fratelli Prem e Tarsem Singh, rispettivamente di 48 e 45 anni, e due loro dipendenti, Arminder Singh, di 29 anni, e Majinder Singh, di 28 anni, anche loro legati da vincoli di parentela.

L’azienda agricola di Arena Po è una delle stalle più importanti del Pavese. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, la società già nel 2016 lavorava 500 capi, di cui 230 vacche lattifere, diversi vitellini e campi da foraggio per l’approvvigionamento.

La società aveva anche una responsabile della mungitura, Satnam Singh , la quale faceva entrare e uscire 20 mucche una volta al giorno e una alla notte per la mungitura.

Nell’intervista al quotidiano, Tarsem, uno dei due titolari, raccontava che aveva iniziato questo mestiere mungendo vacche a Cremona quando aveva poco meno di 20 anni. Poi, insieme al fratello e alla sua famiglia aveva deciso di dedicarsi a tempo pieno a questa attività.

Attività che ha portato presto i suoi frutti, nonostante la fatica e il lavoro praticamente a tempo pieno senza ferie, feste o giornate libere.

Nel 2016, infatti, i due producevano circa 64 quintali di latte al giorno, pagato 35 centesimi al litro.

“Io e mio fratello abbiamo scelto di vivere così, amiamo questo lavoro”: affermava Tarsem, che lascia moglie e due figli, mentre il fratello Prem, lascia moglie e tre figli.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”