Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“A cena fuori da metà maggio”: il piano di Draghi per riaprire i ristoranti

Immagine di copertina
Ristorante Credits: Flikr

Da maggio si torna a cena fuori? Questa sembra essere la linea del premier Mario Draghi, che attende però il parere del Cts. Allentamenti delle misure ed eventuali aperture: da giorni non si fa altro che parlare di questo, ora che l’Italia è quasi tutta tinta di “arancione” e le misure restrittive sembrano dare i primi segnali incoraggianti.

Cosa prevede il Decreto

Il nuovo Decreto, in vigore fino al 30 aprile, prevede nel testo un meccanismo per dare “respiro” alle attività, riaprire lì dove si ritiene necessario, dove i casi e la situazione epidemiologica lo consentono. La zona gialla, quindi, non esiste su “carta”, ma è a quella a cui ambiscono tutte le Regioni.

Al momento, una data ufficiale per riaprire non c’è, perché tutto dipenderà sia dalla curva che dalla campagna di vaccinazione, con l’obiettivo di “tutelare” soprattutto gli anziani e i più esposti al rischio. Una data importante, però, è quella di venerdì 16 aprile, quando gli esperti della cabina di regia si riuniranno e si deciderà il nuovo “futuro colorato” del Paese, si capirà se ci sono territori con dati da fascia gialla.

I ristoranti e i bar, per il momento, possono lavorare solo d’asporto e con consegne a domicilio. Niente pranzi e cene seduti al tavolo. Eppure, da maggio, come spiega Il Messaggero, si potrebbe ritornare a mangiare fuori casa, ma bisognerà raggiungere due obiettivi: l’Rt deve aggirarsi intorno allo 0.8 e la campagna di vaccinazione deve accelerare.

Il piano per riaprire a maggio

Sono due le ipotesi riportate dal quotidiano romano. La prima è aspettare il primo maggio per ritornare (dove si può) alla zona gialla e permettere ai ristoranti di lavorare a pranzo, per poi valutare un’eventuale apertura anche a cena con il coprifuoco a mezzanotte. La seconda, voluta soprattutto dalla Lega, è di anticipare di una settimana, sempre tenendo in considerazione tutti i parametri, lì dove i dati sono da zona gialla.

Quello che è certo che è per ora non c’è nessuna data ufficiale perché questa verrà annunciata quando i valori lo permetteranno, quando i contagi saranno in calo così come i ricoveri e le terapie intensive. In ogni caso, il premier Mario Draghi ha chiesto al Comitato Tecnico Scientifico di mettere a punto nuovi protocolli con regole meno rigide, pur garantendo sempre la sicurezza. Bisogna dare a queste attività, tra aperture e chiusure a singhiozzi, la possibilità di ritornare a lavorare. Con la speranza che maggio sia davvero il mese della ripresa perché sono tante le categorie allo stremo, piegate dalla crisi economica.

Ieri, dopo la manifestazione a Roma, alcuni protestanti aderenti al progetto “Io Apro” sono stati ricevuti dal MEF del Governo Draghi e al termine dell’incontro hanno spiegato che c’è intenzione di aprire dal 20 aprile: “C’è una seria intenzione di aprire già dal 20 aprile, ma non possiamo accontentarci delle parole. Decideranno venerdì” – si legge in un post pubblicato sulla pagina Facebook di “IoApro”. Questi giorni saranno decisivi per capire quale sarà la linea da seguire, anche in vista dell’estate.

Leggi anche: 1. Roma, i ristoratori tornano in piazza: tensione con la polizia | DIRETTA; // 2. Vaccini, De Luca contro Draghi: “In Campania non procederemo per fasce d’età”; // 3. Il ministro Garavaglia (Lega): “L’Italia deve riaprire entro il 2 giugno”; // 4. Speranza: “Over 60 vaccinati entro giugno. Salvini raccatta voti sulla difficoltà delle persone”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”