Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Lo strano caso dei voli per il Regno Unito: no a quelli diretti ma sì a quelli con scalo

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 22 Dic. 2020 alle 13:40
144
Immagine di copertina

“Siamo una famiglia con il volo previsto per oggi da Londra a Roma, ovviamente cancellato siamo senza casa, lavoro, macchina e senza possibilità di andare in albergo…”. Questo è solo uno dei tantissimi messaggi pervenuti alla redazione di TPI e che fanno riferimento al caos scoppiato dal pomeriggio di domenica 20 dicembre, quando è stato deciso lo stop ai voli che arrivano dal Regno Unito come misura cautelare per fermare il contagio con la nuova variante aggressiva del Covid emersa nella capitale britannica e nel sud-est del Paese.

Dopo la scoperta della variante del Covid-19 individuata nel Paese fresco di Brexit, il ministro Speranza ha firmato un’ordinanza flash che ha improvvisamente chiuso il traffico aereo lasciando però centinaia e migliaia di connazionali bloccati nel Regno Unito. Italiani rimasti intrappolati negli aeroporti londinesi di Heathrow e Stansted dalla sospensione dei voli decisa dal nostro Governo, come dalla maggioranza dei Paesi europei. Famiglie con bambini, giovani, anziani, gente che lavora qui e si preparava a rientrare per le vacanze di Natale oppure che era venuta per un soggiorno di studio, lavoro o turismo, e che adesso non sa più quando potrà rientrare.

“La variante del Coronavirus è preoccupante e dovrà essere approfondita”, afferma il ministro Speranza. “Dobbiamo proteggere gli italiani”, scrive il ministro Di Maio su Facebook. Ma la rabbia (ne abbiamo parlato in questo articolo) di chi si sente italiano di serie B è molta e l’amarezza non riguarda solo l’impossibilità di poter trascorrere il Natale con i propri cari, o di aver speso centinaia di euro in tamponi e biglietti aerei, quanto anche problemi reali nel restare a Londra senza un lavoro, senza soldi e senza un posto dove dormire.

E oltre al danno la beffa. Perché al di là della comprensibile fretta con cui sono state adottate le misure, ciò che resta incomprensibile è come mai il Governo abbia chiuso i voli diretti ma esorti i cittadini che hanno bisogno di rientrare in Italia a farlo utilizzando voli con scalo. Lo si apprende direttamente dal sito dell’ICE che offre le seguenti opzioni per il rientro.

Non risultano al momento soluzioni alternative, come voli di Stato per quegli italiani bloccati in un reale stato di emergenza. Nel frattempo, sul sito dell’ambasciata d’Italia a Londra resta l’avviso dell’ordinanza secondo cui è “vietato l’ingresso e il transito nel territorio nazionale alle persone che nei 14 giorni precedenti il 20 dicembre hanno transitato o soggiornato nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord”. Insomma, la situazione è quantomeno confusa e i cittadini italiani all’estero si sentono allo sbaraglio.

Il caso è diventato presto oggetto di polemica politica. “È vergognoso – dicono dalla Lega – che il governo abbia abbandonato centinaia di italiani. Non è degno di una nazione civile compiere un atto così ignobile verso connazionali che, dopo essersi pagati i tamponi, sono stati bloccati in aeroporto con in mano la carta d’imbarco, e lì abbandonati senza alcuna comunicazione ufficiale”. “Un provvedimento imposto dalla prudenza”, giustifica la ministra delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli. E la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, però ammette: “ora si cerchi di capire come fare”.

144
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.