Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Caso Ciro Grillo, i genitori della ragazza: “Il corpo di Silvia diventato trofeo”

Immagine di copertina
A sinistra Beppe Grillo, a destra il figlio Ciro

I genitori di Silvia fanno sapere che agiranno in sede legale contro coloro che stanno condividendo frammenti intimi del video che era stato citato da Beppe Grillo, che sosteneva che la ragazza era consenziente

“Abbiamo appreso che frammenti di video intimi vengono condivisi tra amici, come se il corpo di nostra figlia fosse un trofeo: qualcosa che ci riporta a un passato barbaro che speravamo sepolto insieme alle clave”. A comunicarlo, tramite il loro avvocato Giulia Bongiorno, sono i genitori di Silvia (nome di fantasia), la ragazza che ha denunciato la violenza sessuale di gruppo oggetto di indagine da parte della procura di Tempio Pausania in cui sono indagati Ciro Grillo, figlio di Beppe Grillo, Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria.

“Confidiamo nel fatto che tutto questo fango sarà spazzato via facendo emergere la verità”, ha aggiunto la famiglia della ragazza, che era già intervenuta per condannare il video del fondatore di M5S in difesa del figlio. “Abbiamo dato mandato al nostro legale di agire in sede giudiziaria contro tutti coloro che a qualsiasi titolo partecipano a questo deplorevole tiro al bersaglio“.

A chi si riferiscono i genitori di Silvia? Chi ha diffuso i frammenti dei video girati la notte del 17 luglio 2019, quando sarebbe avvenuta la presunta violenza? I genitori della ragazza non lo dicono esplicitamente, ma il riferimento potrebbe essere all’amica di Ciro Grillo che, intervistata da Non è l’arena, ha detto di aver visto quel filmato e che dalle sue immagini emergerebbe “complicità massima”. Ma se c’è stata una diffusione di quelle immagini, si tratterebbe di un reato.

“Non è facile rimanere in silenzio davanti alle falsità che si continuano a scrivere e a dire sul conto di nostra figlia, aggiungendo dolore al dolore: il nostro e il suo”, proseguono i due genitori. “D’altro canto, sarebbe fin troppo facile smentirle sulla base di numerosi atti processuali che sconfessano certe arbitrarie ricostruzioni e che, per ovvie ragioni, non possono essere resi pubblici”.

“In ogni caso, la fiducia nella giustizia e il rispetto per le istituzioni – che ci hanno guidato finora e che continueranno a guidarci in futuro – non significano che siamo spettatori passivi: abbiamo conferito mandato al nostro legale di agire in sede giudiziaria contro tutti coloro che a qualsiasi titolo partecipano e parteciperanno a questo deplorevole tiro al bersaglio”.

In questi giorni, secondo quanto riporta l’Adnkronos, la Procura di Tempio Pausania, che indaga per violenza sessuale di gruppo, sta ridefinendo i capi di imputazione per alcuni degli indagati. Oltre allo stupro di gruppo, c’è infatti un secondo capo di imputazione, che riguarda una serie di foto e di frame in cui si vedono alcuni ragazzi compiere atti a sfondo sessuale vicino all’altra giovane presente nella villa, Roberta, che dormiva.

Leggi anche: 1. “Schiaffi su natiche e schiena”: caso Ciro Grillo, nuovi dettagli dall’inchiesta /2.“Mi hanno violentata”: ecco cos’è successo quella notte nella villa di Grillo in Sardegna. La ricostruzione /3. Il video di Grillo andrebbe mostrato nelle scuole ogni volta che si deve spiegare come non si parla di stupro (di S. Lucarelli) /4. Beppe Grillo ha chiesto un’indagine privata sulla ragazza che accusa il figlio di stupro

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale