Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bergamo e Brescia saranno le Capitali della Cultura 2023

Immagine di copertina

Bergamo e Brescia saranno le Capitali della Cultura 2023: il sì della Camera

Avremo due Capitali della Cultura in Italia nel 2023: Bergamo e Brescia. L’annuncio è arrivato nel tardo pomeriggio del 3 luglio. I sindaci delle due città, Gori e Del Bono, avevano lanciato l’idea di concorrere insieme per il titolo di Capitale della Cultura e il loro desiderio è stato quasi del tutto esaudito, perché è arrivato il sì della Camera. Giorgio Gori aveva spiegato: “Abbiamo accolto la proposta di Brescia in mezzo secondo e condividiamo l’idea che la cultura possa diventare la leva della rinascita delle nostre città con una forte valenza simbolica per il Paese”.

L’ok è arrivato tramite Facebook, con un post del viceministro dell’economia e delle finanze Antonio Misani: “Grazie ad un emendamento al DL Rilancio approvato dalla Commissione bilancio della Camera con il parere favorevole del Governo, Bergamo e Brescia sono ufficialmente capitali italiane della cultura per l’anno 2023, un riconoscimento importante per due città ricche di storia e cultura, duramente colpite dalla pandemia. Da oggi, lavoreremo tutti insieme, bergamaschi e bresciani, per rendere questo progetto una bellissima occasione di rilancio per le due città”.

Il titolo dunque è stato assegnato a Bergamo e Brescia, che non dovranno quindi partecipare al bando del prossimo anno. Il testo del decreto dovrà comunque essere approvato dall’Aula, il via libera dal Senato dovrà essere dato entro il 18 luglio. Entro poi gennaio 2022, sia Brescia che Bergamo dovranno presentare al ministero dei Beni culturali un progetto unitario con le iniziative finalizzate a incrementare la fruizione del patrimonio culturale.

Leggi anche:

1. Quella ridicola passerella di Bergamo e lo Stato incapace di chiedere scusa (di G. Gambino) / 2. Mattarella a Bergamo per le vittime di Coronavirus: “Qui c’è l’Italia che ha sofferto” / 3. Capitale della Cultura, Parma scelta anche per il 2021

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: annullato corteo a Trieste, erano attese 20mila persone
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion