Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bambina si impicca e scrive alla madre in una lettera: “Volevi che non fossi mai nata, ora sarai felice”

Immagine di copertina

L'episodio è avvenuto nel giorno dell'Epifania

Si è sacrificata per amore della madre. Una bambina di 10 anni, in Messico, si è impiccata il 6 gennaio 2019 poiché credeva che, così facendo, avrebbe finalmente reso felice la mamma, come si può leggere in una lettera che ha lasciato. Una storia triste che arriva da Aguascalientes e che ha scioccato l’intera città, anche perché è accaduto in un giorno di festa, l’Epifania.

La vicenda

“Sono un dolore e una rovina per te”, ha scritto la bambina in una lettera lasciata alla madre e trovata nel luogo dove si è tolta la vita, “senza di me sarai la donna più felice del mondo”. La piccola, in effetti, credeva di essere un peso per la famiglia. Era addolorata per la vita della madre e ha pensato che, non vivendo più, l’avrebbe resa più contenta visto che la donna le ripeteva spesso una frase agghiacciante: “Vorrei che non fossi mai nata”. La bimba, poi, era convinta che il padre fosse andato via di casa per colpa sua.

“Mamma, ti chiedo di essere calma nella vita e di non lavorare troppo. Ti auguro solo la felicità. Spero che un giorno ti ricorderai di me e che in cielo, finalmente, mi abbraccerai. Ti voglio bene”, si legge nella straziante lettera.

Ancora non è stato rivelato chi sia stato a trovare la bambina e ad avvertire la polizia. Le autorità hanno aperto un’indagine per capire se la madre della piccola sia colpevole o meno e hanno confermato la causa della morte come strangolamento per impiccagione. Intanto la donna è sparita.

L’Epifania in Messico

In Messico è conosciuta come Three Kings Day, in Italia semplicemente come Epifania. È la festività, nella cultura cristiana, celebrata 12 giorni dopo il Natele e che fa riferimento a un determinato episodio biblico: l’adorazione dei Magi a Betlemme.

Per l’occasione, in America latina, le famiglie si scambiano regali. Un po’ come accade nella Penisola con la Befana, una figura di origini pagane.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”
Cronaca / Falconiere della Lazio fa il saluto romano e inneggia al Duce allo stadio
Cronaca / “Fate girare i nomi degli indagati della morte di Giulio Regeni”. L’appello della famiglia
Cronaca / Chi era Mustapha Manneh, il boscaiolo 32enne morto sul lavoro schiacciato da un albero nel Bellunese
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila