Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Riparazioni gratuite per le auto di medici e infermieri distrutte a Rimini: il messaggio solidale dei carrozzieri

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 29 Ott. 2020 alle 17:30 Aggiornato il 29 Ott. 2020 alle 17:41
181
Immagine di copertina

Auto di medici e infermieri distrutte a Rimini, il messaggio solidale dei carrozzieri

Dopo che oltre 70 auto di medici e infermieri sono state distrutte lo scorso weekend davanti all’ospedale Infermi di Rimini, il gruppo carrozzieri della città ha deciso di offrire ai sanitari riparazioni gratuite. L’obiettivo è quello di far sentire la propria solidarietà ai sanitari presi di mira nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre da un gruppo di vandali, che riterrebbe gli operatori responsabili di diffondere “allarmismo” sulla pandemia. Il gruppo che fa capo a Cna e Confartigianato ha spiegato che si farà carico dei costi di manodopera per le riparazioni e la pulizia delle auto, mentre agli operatori sanitari spetterà coprire i costi dei ricambi necessari, ma a prezzi scontati, fanno sapere dal consorzio in una nota.

“È difficile comprendere il gesto di azioni come quella del danneggiamento, eppure è chiarissimo lo sfregio e l’offesa ignobile ad un pezzo preciso della nostra comunità: gli operatori sanitari. Offrendo il nostro lavoro gratuitamente alle vittime di questo scempio desiderio far capire a loro che la comunità intera si stringe a loro. Volgiamo solo far sapere a tutti che le persone della sanità sono uno dei pochi baluardi solidi dello stato sociale e noi siamo con loro” hanno dichiarato i carrozzieri di Rimini. “La condanna per questi gesti vigliacchi e rivolti assurdamente nei confronti delle persone più esposte ai rischi ed alle difficoltà del paese, è netta e senza appello” ha scritto il presidente del gruppo di carrozzieri riminesi.

Leggi anche: 70 auto di medici e infermieri distrutte all’ospedale di Rimini: “Vogliono punire i sanitari per l’emergenza Covid”

181
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.