Covid ultime 24h
casi +15.943
deceduti +429
tamponi +327.704
terapie intensive -51

AstraZeneca, oggi il verdetto dell’Ema: overbooking per recuperare, chi rinuncia al vaccino finirà in coda

Di Anna Ditta
Pubblicato il 18 Mar. 2021 alle 08:10 Aggiornato il 18 Mar. 2021 alle 10:30
853
Immagine di copertina
Credit:/Jacob King / POOL/Ansa EPA

L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) renderà noto oggi il verdetto sul vaccino AstraZeneca, dopo la nuova revisione svolta sui sospetti effetti collaterali che hanno portato alla sospensione  precauzionale delle somministrazioni del vaccino anti-Covid in 16 Paesi Ue, tra cui l’Italia. Dall’Ema ci si aspetta una decisione in senso positivo, che raccomanderà ai governi di riprendere l’uso del vaccino anglo-svedese, in quanto – come già ribadito dalla direttrice Emer Cooke martedì scorso – il rapporto tra benefici e rischi del vaccino resta positivo.

Da quanto trapelato da Bruxelles e riportato da Alberto D’Argenio su Repubblica, il via libera degli gli esperti del Comitato per la sicurezza dei medicinali (Prac) potrebbe essere accompagnato dall’indicazione che sono stati riportati eventi avversi estremamente rari di trombosi (11 casi su 5 milioni di vaccinati con AstraZeneca). Al momento, infatti, non c’è l’evidenza di una correlazione tra trombosi e vaccinazione, ma non si può nemmeno escludere al 100 per cento un collegamento.

Questo, in concreto, potrebbe tradursi nella semplice aggiunta di un’avvertenza in più nel foglietto illustrativo, anche se gli eventi sono, appunto, tanto rari da non avere rilevanza statistica. In seguito, l’Ema continuerà ad approfondire il dossier e le autorità nazionali potrebbero scegliere di attivare un meccanismo per monitorare eventuali sintomi da trombosi in coloro che hanno ricevuto questo vaccino.

In Italia chi rinuncia al vaccino finirà in coda

Dopo il via libera, l’Italia sarà pronta a riprendere le vaccinazioni con AstraZeneca e l’intenzione è quella di “riassorbire” il ritardo dovuto alla sospensione. Per riuscirci, facendo i conti anche con le possibili conseguenze psicologiche dello stop (e quindi con una certa diffidenza verso questo vaccino), l’idea è quella di scegliere almeno nei primi giorni la strada di un leggero overbooking, come anticipa il Corriere della Sera.  Sarebbe quindi chiamato un numero di persone maggiore rispetto allo dosi disponibili di AstraZeneca, mettendo in conto che una parte di queste persone non si presenterà.

Un altro meccanismo, che è già in vigore ma che ora potrebbe assumere un altro peso, è la previsione che chi rinuncia al vaccino (sia nel caso che non si presenti ad un appuntamento già prenotato, sia nel caso non si prenoti prima della scadenza prevista per la propria categoria) passa in coda e scorre alla fine della lista, e dunque potrebbe essere vaccinato almeno fra tre mesi. Questa consapevolezza potrebbe incentivare le persone a presentarsi all’appuntamento, perché altrimenti rischierebbero di essere vaccinate per ultime.

Leggi anche: 1. “L’Italia non doveva sospendere il vaccino AstraZeneca, abbiamo agito per emotività o politica” / 2. Invece di allarmarvi, chiedetevi a chi conviene se il vaccino AstraZeneca viene sospeso /3. Rischio Vaccino AstraZeneca, i soggetti con trombosi o embolie sono appena 37 su 17 milioni di vaccinati: i dati

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

853
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.