Covid ultime 24h
casi +15.746
deceduti +311
tamponi +253.100
terapie intensive -3

Acqua amara: il trailer

Nella provincia con le bollette più care d’Italia, la Tuscia, il livello di arsenico contenuto nell’acqua è il più elevato nel paese. Tra connivenze politiche e favoritismi ad personam, la mala gestione idrica di questa terra ha trasformato un bene inalienabile come l’acqua pubblica in merce su cui lucrare. A danno di 350mila cittadini

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 23 Mar. 2021 alle 18:11 Aggiornato il 25 Mar. 2021 alle 13:46
60


Sostieni questa inchiesta

Nella provincia italiana con le bollette più care in assoluto, il livello di arsenico contenuto nell’acqua pubblica è il più elevato d’Italia. Tra connivenze politiche e favoritismi ad personam, la mala gestione idrica della Tuscia ha trasformato un bene inalienabile come l’acqua in merce su cui lucrare. A danno di 350mila cittadini.

Questa è Acqua Amara, un’inchiesta totalmente finanziata da TPI sulla gestione dell’acqua pubblica nel viterbese. La potrete visionare per intero gratuitamente, ma per un giornale indipendente sostenere il giornalismo investigativo e di qualità ha un costo (in questo caso sono stati investiti 5mila euro per 40 minuti di video-inchiesta).

Per questo abbiamo deciso di lanciare un crowdfunding dal basso. Il tuo contributo, anche piccolo e senza vincolo, farà la differenza: perché le micro-donazioni di voi lettori sono garanzia di indipendenza e libertà per l’informazione di qualità.

Aiutaci in questa battaglia di civiltà per l’acqua pubblica e bene comune. Chi vuole verrà aggiornato sull’esito dell’inchiesta e sui suoi sviluppi inviando una mail a inchieste@tpi.it. Grazie per il supporto.

Acqua Amara è diventata anche una petizione per l’acqua pubblica e potabile a Viterbo, firma qui.


Sostieni questa inchiesta

Leggi anche: 1. Sutri, cittadini costretti a bere arsenico: l’acqua era contaminata ma il Comune non ha avvertito / 2. Esclusivo TPI: Bollette pazze nel Viterbese, cittadini costretti a pagare fino a 5mila euro per l’acqua corrente

60
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.