Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Esclusivo TPI: Bollette pazze nel Viterbese, cittadini costretti a pagare fino a 5mila euro per l’acqua corrente

Immagine di copertina

Tariffe a 4 cifre per l'acqua pubblica nella provincia di Viterbo: sono le bollette della Talete S.p.a., che chiede molto agli utenti ma con una rete idrica dove l'arsenico è ancora una minaccia

300, 400, 500 euro al mese, fino ad arrivare anche alla cifra folle di 5mila euro. Sono le bollette shock per l’acqua che i cittadini della provincia di Viterbo si vedono arrivare per posta. Negli ultimi mesi centinaia di persone hanno preso letteralmente d’assalto gli sportelli dell’ente gestore delle acque del viterbese, Talete S.p.a., per chiedere chiarimenti e rettifiche su importi elevati e in alcuni casi astronomici. (Qui la parte I dell’inchiesta di TPI sull’acqua pubblica: Sutri, cittadini costretti a bere arsenico: l’acqua era contaminata ma il Comune non ha avvertito)

Si tratta du metri cubi di acqua di consumo stimato messi nel conto ma mai usciti dai rubinetti, come la lettura del contatore evidenzia. Un fatto che potrebbe anche essere normale, perché spesso vengono inviate bollette con consumo stimato, ma che risulta piuttosto anomalo, e poco gradito, quando in realtà la lettura dell’acqua è stata effettuata dagli addetti a giugno, ma evidentemente ignorata nella fatturazione.

I cittadini “truffati”

“Ho ricevuto una bolletta assurda da 520 euro quando il mio consumo è stato sempre inferiore o di poco superiore ai 100 euro – racconta a TPI una utente, J. E. – Negli uffici hanno ricalcolato l’importo e il risultato è stato zero. Ma i numeri della lettura del contatore riportati nella bolletta erano stranamente di tre cifre anziché delle solite 4: 795 anziché 1795 e 843 anziché 1843″.

Un altro utente, C. N., ha spiegato a TPI: “Sono scomparsi dalla fattura ben 1.000 metri cubi di acqua da me pagati. L’operatrice Talete ha detto che il sistema non prendeva le quattro cifre. E se un giorno mi addebiteranno quei mille metri cubi, non riportati in bolletta, ma che si leggono sul mio contatore, qualora un addetto ne rilevasse il consumo con una effettiva lettura? Non sono affatto tranquillo”.    

Sono tante, troppe, le storie di cittadini ai quali sono arrivati 520 euro di bolletta invece che poche decine di euro. Basta andare davanti alla sede centrale di Talete in Viale Romiti per rendersi conto di quante persone vanno a lamentarsi per le fatturazioni sbagliate.

Quando F. R. ci mostra la sua ricevuta non riesce a trattenere la rabbia: “5mila euro mi hanno fatto arrivare! Non so se ridere o piangere”. 

La situazione potrebbe peggiorare

L’aumento delle bollette di Talete negli anni non si è mai arrestato, come provano anche le stime discusse in consiglio comunale a febbraio scorso dalla consigliera viterbese del Partito Democratico Luisa Ciambella: nello schema degli aumenti delle tariffe per una famiglia di 4 persone, la bolletta dell’acqua è passata da 102,30 euro l’anno nel 2017 a 106,05 euro nel 2019. Tariffa che arriverà a 702 euro più Iva nel 2023.

“I cittadini – ha detto Ciambella a TPI – non possono continuare a pagare lo scotto di una mala gestione dell’acqua. Dovrebbe essere gestita in modo pubblico, visto che è un bene comune, invece viene mercificata. Le bollette assurde ne sono solo un esempio”.

Risanamento o errori?

La rete idrica nella Tuscia è gestita da Talete S.p.a., una società costituita da una partecipata dei 60 comuni della provincia di Viterbo oggetto però del diritto privato. L’attuale presidente della società in carica dal 2019, Andrea Bossola, ha attivato una maxioperazione di recupero crediti per rimettere in sesto i conti disastrati dell’azienda idrica: 30 milioni di euro di buco economico. Ma le bollette pazze non derivano solo da questo, in molti casi si tratta di veri e propri errori materiali. Come spiega a TPI G. A.: “Continuavano ad aggiungere uno zero in più alla mia bolletta. 480 invece che 48 euro, 630 invece che 63. A volte non so se pensare se sia un errore o se vengono stampate così in mala fede…”.

Secondo l’associazione di consumatori Adiconsum, Talete avrebbe “disatteso il dialogo necessario tra gestore, utente e organizzazioni dei consumatori. Come è possibile che Talete non abbia avuto tempo e modo di informare i propri utenti provocando il caos, anche perché in molti, peraltro, si sono visti addebitare il deposito cauzionale pur avendo la domiciliazione bancaria”. Nella delibera dell’Autorità nazionale energia e ambiente (Arera), all’articolo 3 comma 3.1, si legge testualmente che “il gestore può richiedere all’utente, all’atto della stipula del contratto di somministrazione, il versamento di un deposito cauzionale”. Ciò, significa, secondo l’Adiconsum, che il provvedimento non può essere applicato retroattivamente. Di qui il rischio che Talete venga sepolta da una valanga di ricorsi degli utenti.

Prezzo salato e acqua inquinata

Le bollette che gli utenti si ritrovano a pagare o a contestare sono altissime, ma il servizio offerto non è dei migliori. Anzi. Le acque della provincia di Viterbo sono infatti tra le più inquinate d’Italia a causa della presenza di arsenico. Una vera e propria emergenza che vede 55 dei 60 comuni di questo territorio sforare troppo spesso i limiti di 10 microgrammi per litro consentiti dalla normativa europea.

Alla presenza “naturale” d’arsenico si vanno ad aggiungere gli inquinanti, creando una situazione giudicata a rischio dalla stessa Organizzazione mondiale della sanità. In alcune zone la concentrazione di arsenico raggiunge punte fino a cinque volte i limiti massimi di legge. E’ il caso di alcune zone dei comuni di Capranica, Civita Castellana, Fabrica di Roma e Vetralla. Zone dove nessuno dovrebbe usare l’acqua corrente, neanche per cucinare la pasta o per lavarsi. Zone dove i cittadini subiscono oltre il danno, la beffa: si vedono arrivare bollette shock, mentre dai loro rubinetti esce acqua marrone.

Leggi anche: Sutri, il Comune non ha avvertito i cittadini che per due mesi l’acqua aveva un livello troppo elevato di arsenico

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cagliari, si dà fuoco per protesta davanti a un bar per lavoro non pagato: muore operaio 51enne
Cronaca / Covid, oggi 2.985 casi e 65 morti: tasso di positività allo 0,9%
Cronaca / Test medicina 2021, la graduatoria: come leggere i risultati e immatricolarsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cagliari, si dà fuoco per protesta davanti a un bar per lavoro non pagato: muore operaio 51enne
Cronaca / Covid, oggi 2.985 casi e 65 morti: tasso di positività allo 0,9%
Cronaca / Test medicina 2021, la graduatoria: come leggere i risultati e immatricolarsi
Cronaca / Milano, due operai trovati morti congelati nel deposito di azoto di un ospedale
Cronaca / Lega, Pillon contro Morisi: “Non mi è mai piaciuto, certe cose le sapevano tutti”
Cronaca / Il festino, la perquisizione, la droga: così è nata l’inchiesta su Luca Morisi
Cronaca / Covid, via libera del Cts all’aumento della capienza massima di stadi, teatri e cinema
Cronaca / Caso Consip: Tiziano Renzi rinviato a giudizio per traffico d’influenze. Un anno a Verdini per turbativa d’asta
Cronaca / Covid, oggi 1.772 casi e 45 morti: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Roma, protesta davanti al dipartimento urbanistica. Patrizia Prestipino: “Solidarietà ai cittadini”