Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Acqua amara

Nella provincia italiana con le bollette più care in assoluto, il livello di arsenico contenuto nell’acqua pubblica è il più elevato d'Italia. Tra connivenze politiche e favoritismi ad personam, la mala gestione idrica da parte della società Talete S.p.a. ha trasformato un bene inalienabile come l’acqua in merce su cui lucrare. A danno di 350mila cittadini. Guarda l'inchiesta video e sostieni il giornalismo libero e indipendente:

 


Sostieni questa inchiesta

 

Nessuno ne parla, ma quella dell’arsenico nella Provincia di Viterbo è una delle “più grandi emergenze umanitarie d’Europa”, come l’hanno definita i medici dell’Isde (International Society of Doctors for the Environment).

Questa è Acqua Amara, inchiesta video totalmente finanziata da TPI sulla gestione dell’acqua pubblica nel viterbese. La potete visionare per intero gratuitamente, ma per un giornale indipendente sostenere il giornalismo investigativo e di qualità ha un costo (in questo caso sono stati investiti 5mila euro per 40 minuti di video-inchiesta).

Per questo abbiamo deciso di lanciare un crowdfunding dal basso. Il tuo contributo, anche piccolo e senza vincolo, farà la differenza: perché le micro-donazioni di voi lettori sono garanzia di indipendenza e libertà per l’informazione di qualità.


Sostieni questa inchiesta

Aiutaci in questa battaglia di civiltà per l’acqua pubblica e bene comune. L’acqua è essenziale per la vita, non è riproducibile ed è elemento fondamentale del patto generazionale. Ora più che mai l’acqua deve tornare centrale, visto che il fondo di investimento europeo per uscire dalla crisi dovuta alla pandemia globale si chiama “Next generation EU”. Cosa c’è di più basilare del garantire l’accesso all’acqua sana, potabile e pubblica?

Chi vuole rimanere aggiornato sui prossimi documenti esclusivi che pubblicheremo, sull’esito dell’inchiesta e sui suoi sviluppi o chi vuole segnalare altre ingiustizie o irregolarità può scriverci a inchieste@tpi.it. Grazie a tutte e tutti per il supporto.


Sostieni questa inchiesta
Acqua Amara è diventata anche una petizione su Change.org per l’acqua pubblica e potabile a Viterbo, firma qui.

Leggi anche: 1. Sutri, cittadini costretti a bere arsenico: l’acqua era contaminata ma il Comune non ha avvertito / 2. Esclusivo TPI: Bollette pazze nel Viterbese, cittadini costretti a pagare fino a 5mila euro per l’acqua corrente

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Cronaca / Strage Marmolada, identificato il sopravvissuto trovato senza documenti
Cronaca / Incidente sul Cervino, trovati i corpi di due alpinisti: caduti per circa 400 metri
Cronaca / La startup di spesa a domicilio Gorillas lascia l’Italia e licenzia i dipendenti
Cronaca / Roma, baby gang picchia due ragazzi disabili e pubblica video sui social
Cronaca / Covid, identificata nuova sottovariante “Omicron BA.2.75”: perché spaventa più delle altre
Cronaca / Salvano uomo nudo in mare che stava annegando, poi la scoperta: era evaso dai domiciliari
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “Basta con le divisioni politiche, la tutela dell’ambiente ci riguarda tutti”