Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Nuova stretta per gli arrivi in Italia dall’Ue: quarantena per i no vax e tampone per tutti

Immagine di copertina
Fiumicino

Dal 16 dicembre, chi arriva in Italia dai Paesi dell’Unione Europea dovrà sottoporsi a un tampone, anche rapido. Chi non è vaccinato, dovrà anche fare cinque giorni di quarantena oltre a effettuare il test. È quanto scritto nell’ordinanza firmata dal ministro della salute, Roberto Speranza, d’accordo con il ministro degli esteri, Luigi Di Maio. Le misure rimangono valide fino al 31 gennaio 2022. Per gli arrivi dai Paesi extraeuropei, prorogate le misure già previste: la quarantena dura dieci giorni. Questi provvedimenti valgono anche per gli italiani che si trovano all’estero e devono rientrare nel loro Paese.

Chi proviene dai Paesi europei, dovrà effettuare il tampone molecolare nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia oppure un test rapido nelle 24 ore antecedenti. Fino al 31 gennaio 2022 rimane il divieto di entrare in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Malawi, Mozambico, Namibia, eSwatini.

Prolungato anche lo stato di emergenza fino al 31 marzo 2022. La stretta dell’Italia arriva dopo l’incremento dei casi di covid – 19 dovuti anche alla variante Omicron. Arriva, però, l’attacco dell’Ue in seguito all’ordinanza firmata da Speranza: “Quando gli Stati membri introducono condizioni aggiuntive o rendono le norme più severe, come nel caso dell’Italia e forse del Portogallo” questa scelta “deve essere giustificata sulla base della situazione reale – commenta la vicepresidente della Commissione dell’Unione europea, Vera Jourova – Immagino che se ne parlerà al Consiglio europeo” giovedì “perché queste decisioni individuali degli Stai minano la fiducia delle persone sul fatto che le condizioni siano uguali ovunque in Ue” conclude.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Cronaca / Pregliasco a TPI: “Priorità ai vaccinati? È una scelta normale, altrimenti restano a casa i casi gravi”
Cronaca / Venezia, Malkovich in laguna per girare una serie tv: respinto dall’Hotel per il green pass scaduto
Cronaca / Raoul Bova a processo con l’accusa di lesioni e minacce: fece a botte con un automobilista
Cronaca / Meloni positiva al Covid a Natale. Negativa alla ripresa delle attività
Cronaca / Ruby ter, difesa Berlusconi chiede rinvio processo per elezione Quirinale. Giudici accolgono
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada