Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Antonio Ciontoli a TPI: “Sentenza ingiusta, non volevo che Marco morisse. La mia famiglia è innocente”

Immagine di copertina
La famiglia Ciontoli con Marco Vannini

Raggiunto al telefono dopo la sentenza che conferma le condanne a 14 anni per lui e 9 anni per sua moglie Maria e i suoi due figli Federico e Martina, Antonio Ciontoli riesce a parlare per pochi minuti, prima che sua moglie si senta male. “È una sentenza ingiusta, e non dico per quel che riguarda me di cui non mi importa, ma per i miei familiari, i miei figli e mia moglie. Loro non sono mai stati coscienti della gravità del fatto, mai. E io non volevo che Marco morisse, l’ho detto un miliardo di volte e lo dirò sempre”.

Pensa che i media abbiano condizionato la giustizia?
Io penso che questa sia una giustizia sommaria, su cui ha pesato la pressione mediatica di Quarto Grado, Chi l’ha visto e Le Iene. Ricordo tra i tanti esempi che potrei fare le manipolazioni di video di intercettazioni ambientali fatte da Quarto grado, ricordo un’inviata di Chi l’ha visto che ha trovato un bossolo per terra e l’ha associato a me e testimoni inattendibili de Le Iene che hanno raccontato falsità a Giulio Golia. Giulio Golia che mi sta telefonando anche adesso, mentre parlo prima di andare in carcere, rendiamoci conto.

I media, da soli, non scrivono le sentenze.
Non ci sono stati solo i media, ma anche una forte influenza politica. Non si era mai visto che in un caso di cronaca intervenissero Matteo Salvini, l’ex ministro della giustizia Bonafede, l’ex ministro Trenta, Nicola Zingaretti, Luigi Di Maio e solo per ampliare il consenso popolare, quando le istituzioni politiche dovrebbero tenersi lontane dal lavoro della magistratura.

Si aspettava questa sentenza?
No. Per me stesso sì, ma non per la mia famiglia. Sono tutti innocenti, vittime dei miei errori.
Come stanno tua moglie e i tuoi figli?
Non bene, e non so che fare, sono tutti distrutti, non vogliono raggiungere il carcere. (si sentono delle voci in sottofondo) Scusi, ma è svenuta Mary, devo salutarla.

Dopo un’ora mi arriva un messaggio sul cellulare: “Sto andando in carcere a Civitavecchia, mi venga a trovare”.

Leggi anche: 1. Caso Vannini, la Cassazione conferma le condanne. La famiglia Ciontoli si costituirà in carcere /2. Sul caso Vannini non difendo i Ciontoli ma la verità (di Selvaggia Lucarelli) /3. Caso Vannini, lettera a TPI di Viola Giorgini: “Io, perseguitata dai media, ho odiato Antonio Ciontoli e me stessa”

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre
Cronaca / Bollette da 500mila euro, chiude storica catena d’hotel in Puglia: “Trecento dipendenti a casa”
Cronaca / Cosenza, uccide l’ex compagna a colpi di pistola e si suicida: avevano una figlia
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”