Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Caso Vannini, la Cassazione conferma le condanne. La famiglia Ciontoli si costituirà in carcere

Immagine di copertina
A sinistra Antonio Ciontoli, a destra Marco Vannini

Diventano definitive le condanne per Antonio Ciontoli, sua moglie Maria Pezzillo e i suoi figli Federico e Martina, imputati nel processo per l’omicidio di Marco Vannini, il ventenne deceduto nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 a seguito di un colpo di pistola sparato dalla pistola di Ciontoli – padre della fidanzata di Vannini – nella casa di famiglia a Ladispoli, sul litorale romano. Lo ha deciso la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, confermando la sentenza emessa lo scorso settembre dalla Corte d’assise d’appello di Roma, la quale, in sede di appello-bis, aveva condannato Antonio Ciontoli a 14 anni di carcere per omicidio volontario con dolo eventuale, e i suoi familiari a 9 anni e 4 mesi per concorso anomalo in omicidio volontario. L’avvocato della famiglia Ciontoli ha fatto sapere che i suoi clienti si costituiranno questa sera in carcere.

Confermate le condanne ai Ciontoli, la reazione della famiglia Vannini

Alla lettura della sentenza, la piccola folla di parenti e conoscenti assiepata fuori dall’aula è scoppiata in un applauso. Il rigetto dei ricorsi degli imputati è stato accolto da urla di gioia. “Ci siamo battuti per 6 anni, la paura c’è sempre ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Ora giustizia è fatta”, è la prima reazione della mamma di Marco Vannini, Marina Conte, visibilmente commossa dopo la sentenza della Cassazione. “Sono contento che finalmente è stata fatta giustizia per Marco. Gli avevamo promesso un mazzo di fiori se fosse stata fatta giustizia e domani è la prima cosa che farò”, ha detto Valerio Vannini, papà di Marco.

L’omicidio Vannini

Il 17 maggio 2015 Marco Vannini, 21enne di Ladispoli che lavorava come bagnino in uno stabilimento, è morto a causa di un colpo di pistola che gli ha trapassato un polmone e il cuore. Vannini si trovava a casa della fidanzata Martina Ciontoli e dei suoi genitori. A sparare il colpo di pistola che uccise il ragazzo fu il padre di Martina, Antonio Ciontoli (qui una ricostruzione della vicenda e le cose che non tornano).

Sentenza Vannini: la vicenda giudiziaria

Con la sentenza di primo grado pronunciata il 14 aprile del 2018 la Corte d’assise aveva condannato Antonio Ciontoli a 14 anni di carcere per omicidio volontario e il resto della famiglia a 3 anni. Nel 2019 Ciontoli si è visto ridurre la pena da 14 a 5 anni di reclusione, perché in appello il reato era stato derubricato in omicidio colposo, mentre per gli altri imputati sono state confermate le condanne a 3 anni.

A febbraio 2020, la Cassazione ha annullato la sentenza e ordinato un giudizio di appello-bis perché la morte di Vannini sopraggiunse quale conseguenza sia delle lesioni causate dal colpo di pistola sia dalla mancanza di soccorsi che se tempestivamente attivati avrebbero “scongiurato l’effetto infausto”. Per la Suprema Corte “una condotta omissiva fu tenuta da tutti gli imputati nel segmento successivo all’esplosione di un colpo di pistola ascrivibile soltanto ad Antonio Ciontoli, che, dopo il ferimento colposo, rimase inerte, quindi disse il falso ostacolando i soccorsi”.

La sentenza d’appello bis, arrivata a settembre 2020, ha condannato Antonio Ciontoli a 14 anni di carcere per omicidio volontario con dolo eventuale e i figli Martina e Federico Ciontoli e la moglie Maria Pezzillo a 9 anni e 4 mesi per concorso anomalo in omicidio volontario.

Leggi anche: 1. Sul caso Vannini non difendo i Ciontoli ma la verità (di Selvaggia Lucarelli) /2. Caso Vannini, lettera a TPI di Viola Giorgini: “Io, perseguitata dai media, ho odiato Antonio Ciontoli e me stessa” /3. Omicidio Vannini, la sentenza d’appello bis: 14 anni per Antonio Ciontoli, 9 e 4 mesi a moglie e figli /4. Omicidio Marco Vannini: i dubbi e le incongruenze mai chiarite sulla morte del giovane di Ladispoli

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, via libera dell’Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, via libera dell’Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”
Cronaca / “Il regime di Al Sisi è responsabile per la morte di Giulio Regeni”, lo dice la Commissione Parlamentare
Cronaca / Von der Leyen: “È ora di discutere dell’obbligo vaccinale nell’Ue”
Cronaca / Covid, la conversione del leader veneto no vax dopo il ricovero per il virus: “Vaccinatevi tutti”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti