Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

Aggressione omofoba a Trieste, Antonio Parisi risponde a Fabio Tuiach: “Inaccettabili le sue parole”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 20 Feb. 2021 alle 17:53
389
Immagine di copertina

Aggressione omofoba a Trieste, Antonio Parisi risponde a Fabio Tuiach

Antonio Parisi, l’attivista Lgbtq vittima, insieme a due suoi amici, di un’aggressione omofoba avvenuta nella frazione di Rupingrande, a Trieste, risponde a Fabio Tuiach, il consigliere comunale ex Lega e Forza Nuova, che aveva commentato così il fatto di cronaca: “Un esponente Lgbt è stato picchiato e scoppia il caso omofobia a Trieste, siamo in campagna elettorale e succede ogni volta ma forse ha litigato con il fidanzato per la vasellina”.

In un video pubblicato sul suo profilo Facebook e rivolto ai partecipanti della manifestazione organizzata per sabato 20 febbraio in piazza Unità d’Italia dall’Arcigay Arcobaleno di Trieste e Gorizia, Parisi, che porta sul volto ancora i segni del pestaggio, definisce “inaccettabile” il comportamento del consigliere comunale.

Secondo Parisi dovranno essere gli inquirenti a verificare se l’aggressione sia stata causata da “motivo futili o da omofobia”, ma, sottolinea “resta il fatto indiscutibile” che “la violenza è violenza e che l’omofobia è entrata in scena quando proprio il consigliere Tuiach ha vomitato parole ignobili per commentare ciò che mi è successo”.

Episodi di quesa violenza, secondo Parisi, “non devono più succedere”, il quale aggiunge

Leggi anche: “Schedare le coppie gay unite civilmente”: la richiesta della Lega nel comune di Collesalvetti

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

389
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.