Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Attacco hacker all’Agenzia delle Entrate: “Riscatto entro 5 giorni o pubblicheremo i dati rubati”

Immagine di copertina

Attacco hacker all’Agenzia delle Entrate: chiesto riscatto per i dati rubati

L’Agenzia delle Entrate potrebbe aver subito un attacco hacker con il quale sarebbero stati sottratti circa 78 giga di dati: è quanto sostiene LockBit, gruppo di pirati informatici che operano a livello mondiale, che ha pubblicato nel dark web la notizia del furto chiedendo un riscatto da pagare entro cinque giorni, pena la pubblicazione dei dati rubati.

“In riferimento alla notizia apparsa sui social e ripresa da alcuni organi di stampa circa il presunto furto di dati dal sistema informativo della fiscalità, l’Agenzia delle Entrate precisa di aver immediatamente chiesto un riscontro e dei chiarimenti a SOGEI SPA, società pubblica interamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che gestisce le infrastrutture tecnologiche dell’amministrazione finanziaria e che sta effettuando tutte le necessarie verifiche” fa sapere l’Agenzia delle Entrate.

La Polizia Postale sta indagando per accertare se l’attacco sia stato effettivamente portato a termine con un’informativa che verrà inviata a stretto giro alla Procura di Roma.

“È la conferma – afferma il Ceo di Swascan Pierguido Iezzi – del triste primato guadagnato da LockBit, divenuta nell’ultimo trimestre di gran lunga la cybergang più attiva a livello mondiale nelle attività di ransomware, con oltre 200 attacchi messi a segno tra aprile e giugno”. “Il ransomware – prosegue Iezzi – continua a essere la principale arma dei criminal hacker e, di conseguenza, il principale pericolo per aziende pubbliche e private”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi
Cronaca / Latina, mamma di 26 anni muore in discoteca. Aveva due figli
Cronaca / Imprenditore riceve una bolletta del gas da quasi un milione di euro: “Era meglio andare al mare”
Cronaca / Tragedia a Senigallia: padre e figlio muoiono travolti da un treno
Cronaca / Violento incendio a Pantelleria: turisti in fuga e case evacuate
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112
Cronaca / Il re di TikTok Khaby Lame ha ricevuto la cittadinanza italiana: “Sono molto orgoglioso”
Cronaca / Fanno surf nel Canal Grande, il sindaco di Venezia: "Una cena a chi individua i due imbecilli"