Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Aereo precipitato nel Tevere, chi è l’allievo pilota ancora disperso

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 26 Mag. 2020 alle 15:10
151
Immagine di copertina

Daniele Papa sognava di diventare pilota. È lui l’allievo di 23 anni disperso da ieri, da quando durante un’esercitazione di volo il piccolo aereo su cui viaggiava è precipitato nel Tevere a Roma. Stando ai racconti dei parenti, ieri Daniele era molto contento di tornare a volare dopo il lockdown e aveva affrontato quella lezione con l’entusiasmo di sempre. Alle 15.30 l’aereo è precipitato e si è inabissato nel Tevere. Dopo essere stato soccorso, Giannandrea ha raccontato ai soccorritori e alle forze dell’ordine che la cintura di sicurezza del giovane è rimasta incastrata. Come riportato da Il Messaggero, ha provato a sbloccarla, anche quando l’aereo si è inabissato nell’acqua, si è immerso per ben due volte ma non è riuscito a fare nulla.

Secondo quanto avrebbe riferito l’aereo ha perso quota ed è precipitato nel Tevere in un tentativo di ammaraggio. Il pilota sarebbe poi riuscito a uscire dalla cabina di comando mentre l’allievo ancora non è stato trovato. Sull’incidente ha aperto un fascicolo di indagine anche l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo. Gli ispettori hanno eseguito i primi rilievi sul campo di volo della scuola di via Salaria già ieri sera.

Nell’ultima foto pubblicata su Instagram Daniele ha condiviso l’immagine di un cielo sterminato. “Non importa chi cerca di deluderti e farti soffrire, combatti sempre per la vista che desideri”. Nonostante sia passato quasi un giorno dalla scomparsa, si spera ancora che il giovane – esperto sub e nuotatore – possa aver trovato una bolla d’aria e sia sopravvissuto al tragico incidente. La carcassa dell’aereo è stata individuata dai sommozzatori dopo dodici ore di ricerca a dieci metri di profondità in via Vitorchiano, punto in cui il velivolo si è inabissato. “Fratellino mio, sei stato un fratello impeccabile, d’oro, serio, sempre pronto a sostenermi. Non ti meritavi tutto ciò piccolo mio. Ti vorrò bene per sempre”. Così la sorella in un post su Instagram, commentato da centinaia di amici e persone desiderose di sostenere la famiglia in queste ore d’angoscia.

Qui le altre notizie di cronaca

151
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.