Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

“Virus mortale da Wuhan”, il libro “profezia” sul Coronavirus scritto nel 1981

Immagine di copertina
Il libro "profezia" sul Coronavirus

“Virus mortale creato a Wuhan”, la profezia in un thriller del 1981

L’ennesima “profezia” del Coronavirus riguarda un libro scritto nel 1981 che racconta la storia di un virus mortale creato in un laboratorio in Cina, proprio a Wuhan, la città focolaio dell’epidemia. La precognizione letteraria si chiama “The eyes of darkness“; il thriller – profezia è stato scritto dallo statunitense Dean Koontz circa 40 anni fa.

Il romanzo che anticipò lo scenario del Coronavirus ha come protagonista “uno scienziato cinese di nome Li Chen” che scappa negli Stati Uniti con “una copia su dischetto dell’arma biologica cinese più importante del decennio”.

L”arma’ nel libro si chiama “Wuhan-400” proprio perché viene realizzata nella città cinese ed è “il quattrocentesimo ceppo vitale di microorganismi creato in quel centro di ricerca”. Lo scrittore definisce Wuhan-400 “un’arma perfetta” perché “colpisce solo gli esseri umani”. Nel thriller Koonts scrive anche di “una grave polmonite che intorno al 2020 si diffonderà in tutto il mondo, in grado di resistere a tutte le cure conosciute”.

Le analogie tra la realtà ai tempi del Coronavirus e il romanzo è il giornalista informatico Paolo Attivissimo, che nel suo blog ha scritto: “È pressoché inevitabile che tra i milioni di storie scritte prima o poi qualcuna ci azzecchi (le caratteristiche del Wuhan-400 divergono fortemente da quelle del coronavirus). Oltretutto Koontz ha pubblicato più versioni del suo romanzo cambiandone i dettagli. In quella originale, uscita nel 1981, non si parla di Wuhan ma della città sovietica di Gorki, e del virus Gorki-400. Divenne Wuhan nell’edizione del 1996”, quando l’Unione sovietica non esisteva più e “la Cina sembrava una fonte più credibile”.

Leggi anche: 

“Bill Gates aveva predetto il Coronavirus un anno fa”

Ti potrebbe interessare
Costume / Citazioni sul tennis: le più belle da conoscere
Costume / Black Friday 2021: cos’è, quando inizia e quanto dura
Costume / Italiani al volante: auto nuova ogni sette anni circa
Ti potrebbe interessare
Costume / Citazioni sul tennis: le più belle da conoscere
Costume / Black Friday 2021: cos’è, quando inizia e quanto dura
Costume / Italiani al volante: auto nuova ogni sette anni circa
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Costume / Come fare una fattura elettronica: guida alla compilazione
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico