Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Le conseguenze della dichiarazione di Obama sugli UFO

Immagine di copertina

Guardare le stelle è una delle attività che gli essere umani compiono dall’inizio della civiltà e anche prima. Questo è stato necessario per fornire moltissime indicazioni sul funzionamento della terra, per orientarsi, per prevedere il futuro o comprendere la natura caratteriale degli individui. Ma uno degli effetti maggiori che il cielo ha sulle persone è lo stimolo della fantasia. Di fronte a qualcosa di così immenso e incomprensibile, far volare l’immaginazione è semplice.

Per questo da sempre si fantastica sull’esistenza di altri esseri intelligenti che vivono così lontani da non poter essere contattati. Soprattutto negli ultimi decenni questo ha portato ad un inserimento della figura dell’alieno nell’immaginario comune, permettendo la creazione di innumerevoli prodotti a tema. Nascono così i film, le a tema spaziale, i parchi divertimento, i romanzi.

La dichiarazione di Obama

A maggio Obama ha partecipato alla trasmissione americana The Late Show, diretta da James Corden. In questa occasione ha confermato che gli Stati Uniti sono in possesso di moltissimo materiale che si può definire effettivamente relativo ad UFO – oggetti volanti non identificati. Moltissime persone erano già a conoscenza di questo, ma ultimamente nessuna dichiarazione da parte di qualche politico era stata fatta.

Ovviamente questo non equivale ad un’ammissione dell’esistenza degli alieni, ma solo al fatto che effettivamente esistono degli oggetti di cui non ci si spiega l’origine né il funzionamento, e che sembrano non adattarsi alle leggi fisiche che regolano la Terra.

Le reazioni

Questo tipo di dichiarazione ha riaperto un dibattito che è diventato attuale in poche ore. C’è chi ha paura di questo tipo di oggetti, che pensa che siano una minaccia per l’umanità, come Marco Rubio, Martin Heinrich e Christopher Mellon.

Altri invece non possono fare a meno di mostrare entusiasmo per l’entità della conferma, che a livello scientifico potrebbe permettere un grande salto.

L’attuale presidente degli USA Biden invece cerca di allontanarsi da una risposta che sarebbe richiesta dalla posizione che ricopre. Giustamente sono moltissime le informazioni a cui fare riferimento, e soprattutto sarebbero incontrollabili le reazioni nel mondo a fronte di una conferma da parte del nuovo potere alla Casa Bianca.

Si sapeva già tutto

Questo certamente non è il primo caso di ammissione, o dichiarazione pubblica.
Molti altri politici avevano parlato degli UFO apertamente. Solo pochi giorni prima della dichiarazione di Obama, Susan Gough (del Pentagono) ha confermato che il video del 15 luglio 2019 filmato al largo di San Diego è autentico. Il misterioso oggetto volante mostrato in quelle immagini è solo uno delle migliaia di filmati in tutto il mondo.

Nel corso degli ultimi decenni anche altri politici avevano rilasciato dichiarazioni sulla stessa linea. Truman ad esempio ha confermato che gli UFO non potevano essere oggetti costruiti sulla terra, e Carter nel 1969 ha addirittura raccontato di un suo personale avvistamento.

Cosa ci si può aspettare?

Da questo momento in poi ci sarà un crescente interesse sulla questione, e soprattutto un aumento delle dichiarazioni ufficiali. In questo modo la ricerca scientifica anche non pubblica, potrà approfondire più liberamente e soprattutto avendo l’accesso ad una maggiore quantità di dati. Stiamo sicuramente assistendo ad un enorme cambiamento storico sia a livello scientifico che culturale.

Ti potrebbe interessare
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Costume / Come tornare a relazionarsi con gli altri dopo la pandemia
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Ti potrebbe interessare
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Costume / Come tornare a relazionarsi con gli altri dopo la pandemia
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Costume / Buoni motivi per cui preferire auto usate
Costume / Gherardo Guidi: “Durante il lockdown la notte mi sognavo le serate. Ora la Capannina riapre con molta più passione che negli anni prima della Pandemia”
Costume / Joanna Kenny, l’influencer che sfida gli standard di bellezza evidenziando i baffetti con il mascara
Costume / Dall’uomo incinto alla faccina che fa il saluto militare: tutte le nuove emoji 2021-22
Costume / Gli Elites realizzano una reaction a Wembley per la finale degli Europei
Costume / Buone idee crescono: ecco WiseMindPlace, la piattaforma che trasforma le idee in progetti
Costume / Euro2020, l'ex cantante degli One Direction insulta l'Italia: intervengono Fedez e Andrea Delogu