Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

La generosità aiuta ad alleviare (anche) il dolore fisico

I comportamenti altruistici agiscono come anti-dolorifici, la scoperta in un nuovo studio

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 2 Gen. 2020 alle 19:36
67
Immagine di copertina
L'altruismo aumenta il rilascio di endorfine

La generosità e la gentilezza alleviano il dolore fisico

Un nuovo studio dell’Università di Pechino sostiene che la generosità e la gentilezza aiutano a lenire anche il dolore fisico. Non solo quello dello spirito quindi.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences. La prima parte dell’esperimento è stato condotto su alcuni pazienti malati di tumore in un reparto di oncologia.

Ai pazienti è stato chiesto di dare una mano nella preparazione dei pasti e all’assistenza di altri malati. Il risultato è stato sorprendente: quando si è altruisti e quando si aiutano gli altri, la generosità e la gentilezza agiscono come veri e propri analgesici.

La seconda parte dello studio è stato effettuata seguendo due gruppi di donatori di sangue. Il primo gruppo ha donato plasma per aiutare persone colpite da un terremoto e il secondo per una raccolta di sangue generica.

Il gruppo che ha donato il proprio sangue per aiutare le vittime del sisma ha dichiarato di avere “sentito meno” il dolore della puntura dell’ago durante il prelievo.

I ricercatori dell’Università di Pechino, autori dello studio, sono convinti che, tra chi è ricoverato negli ospedali, forme di gentilezza e di generosità verso gli altri dovrebbero essere prescritte e introdotte alla stregua dei farmaci. L’altruismo, infatti, aumenta il rilascio di endorfine che sono anti-dolorifici naturali.

Leggi anche:

20 foto che vi faranno riacquistare fiducia negli esseri umani

Perché gli esseri umani sono portati a essere altruisti?

Le persone dicono raramente “grazie” quando vengono aiutate

67
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.