Daniela Santanchè contro Achille Lauro: “Perché non usa il Corano?”

Di Marco Nepi
Pubblicato il 25 Lug. 2020 alle 11:53
519
Immagine di copertina

Daniela Santanchè si scaglia contro Achille Lauro, e in particolare contro l’ultimo contestato manifesto promozionale del cantante, bocciato dall’ufficio affissioni del Comune di Milano. Il poster raffigura Lauro in formato pupazzo Barbie inchiodato a un crocifisso. “Achille Lauro, come chi ha poco da dire, per vendere dischi deve costruire pubblicità-scandalo. Ed ecco l’ennesimo a sputare sul Crocifisso. Ce ne fosse uno che per fare il ‘brillante’ usasse il Corano…”, ha commentato polemica la senatrice di Fratelli d’Italia. Il manifesto censurato era stato pubblicato da Lauro sui profilo social: a sua volta polemico contro il Comune di Milano, il cantante aveva accompagnato il post con la frasse “Me ne frego”, titolo di una sua famosa canzone.

Leggi anche: 1. Achille Lauro pubblica sui social il poster censurato a Milano: “Me ne frego” / 2. Achille Lauro sulla croce come Salvini col rosario: solo marketing (di F. Bagnasco) / 3. Il padre magistrato della Cassazione e la fuga da casa a 14 anni: la storia di Achille Lauro / 4. Achille Lauro dice che il suo prossimo album cambierà la musica italiana. Tranquilli: lo pensa solo lui (di M. Monina)

519
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.