Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Dalle candele profumate al verde, i consigli dell’home stylist per dare un tocco nuovo alla propria casa

Immagine di copertina
Credit: Instagram/flavia_che

Un anno di Covid ci ha costretto a trascorrere molto più tempo nelle nostre case. In questo periodo molte persone hanno quindi avuto il desiderio di rivalorizzare e trasformare gli ambienti in cui vivono, per renderli più accoglienti e sentirsi a proprio agio. A TPI parla Flavia_Che, home stylist e art director, che ci spiega come è cambiato il suo lavoro e ci fornisce utili consigli per dare un tocco nuovo alle nostre abitazioni

“Ci sentivamo in prigione”. Una sensazione che un po’ tutti abbiamo provato soprattutto nei mesi più duri della pandemia, quando il Covid ha radicalmente cambiato le nostre abitudini di vita e ci ha costretto a stare chiusi in casa, trascorrendo giornate intere tra le mura domestiche, dovendoci adeguare, non senza difficoltà, allo smart working e alla didattica a distanza. Ma questa drammatica situazione per molti è stata anche un’occasione per rivalorizzare la propria abitazione, scoprire angoli nascosti e dare un tocco diverso a quegli ambienti che non avevamo mai vissuto per un tempo tanto prolungato. Così la pandemia ha portato anche al boom di una figura professionale, quella dell’home stylist. Ne abbiamo parlato con una di loro, Flavia Checcacci, designer e art director molto seguita sui social (flavia_che su Instagram).

Come è cambiato il suo lavoro in quest’ultimo anno?

“La mia figura ha avuto un boom di richieste, perché molte persone, stando in casa, hanno avvertito il desiderio di rivalorizzare la propria dimora. È stata considerata non più solo come il luogo dove tornare a dormire dopo una giornata di lavoro, ma un ambiente in grado di darci protezione e nuove emozioni. Quindi molti hanno iniziato a prendersi più cura della propria casa, sia autonomamente sia facendo ricorso a un professionista. Inoltre, con il boom dei social, ho creato dei cosiddetti “angoli instagrammabili”, dei veri e propri set all’interno dell’abitazione da poter poi condividere in rete”.

Cosa fa più nello specifico un home stylist? Come interviene? 

“Potrei sintetizzare il mio lavoro dicendo che vesto gli spazi e li investo della mia creatività. Sono la stilista delle case! Creo l’atmosfera e do uno stile all’interno di uno spazio privo di personalità. Aiuto il cliente a evidenziare ed esprimere la sua personalità. Metto a tacere l’indecisione nelle scelte, propongo mood d’ambiente, indirizzo il cliente nella ricerca dei prodotti, accompagnandolo anche nei negozi dedicati. Il mio è un vero e proprio percorso di progettazione in stretta relazione col cliente. Con la pandemia ci siamo sentiti un po’ tutti in prigione e quindi molte persone non si trovavano più a proprio agio nel loro ambiente. Ma bastano pochi accorgimenti per creare un’atmosfera nuova”.

Quali sono i principi che si utilizzano per rielaborare un ambiente?

“La scelta dei materiali, lo studio del colore, lo sfruttamento della luce naturale e il posizionamento di quella artificiale. Tra i punti fondamentali, l’eliminazione del superfluo, o un cambio negli arredamenti. Il tutto mantenendo armonia e rigore visivo. Questa ventata d’aria nuova può riguardare sia l’intera abitazione che un singolo ambiente o una parete. In particolare in questo periodo di pandemia la parte della casa che è stata maggiormente rivoluzionata è la zona giorno, per intenderci quella in cui c’è il divano”.

Cosa può consigliare ai nostri lettori che vorrebbero dare un tocco diverso alla propria casa? Quali accorgimenti si possono adottare?

“Per esempio l’uso delle candele profumate, che danno subito maggior calore e un senso di accoglienza. Un altro elemento fondamentale è il verde: ogni pianta definisce uno spazio. Inoltre è scientificamente provato che il verde in casa dà una sensazione di benessere. Le tende, poi, devono essere in grado di darci la giusta privacy, ma al tempo stesso devono far passare la luce naturale”.

In questo anno quindi come è cambiato il rapporto con la propria abitazione e cosa rimarrà una volta tornati alla normalità?

“Con la pandemia siamo stati più sensibilizzati verso le nostre case e questo credo rimarrà in futuro, anche riprendendo la vita di un tempo. Ma quando torniamo nella nostra abitazione vorremo sempre ritrovare un ambiente accogliente, positivo e protettivo”.

Ti potrebbe interessare
Costume / Khaby è l'italiano più seguito su Instagram (superata Chiara Ferragni): "Ma non ho ancora la cittadinanza"
Costume / Come la tecnologia sta cambiando i servizi funebri: il caso Lastello.it
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Ti potrebbe interessare
Costume / Khaby è l'italiano più seguito su Instagram (superata Chiara Ferragni): "Ma non ho ancora la cittadinanza"
Costume / Come la tecnologia sta cambiando i servizi funebri: il caso Lastello.it
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Costume / Chiara Ferragni apre il suo primo caffè a Milano
Costume / Folkloore, abiti esclusivi realizzati a mano negli angoli più remoti della terra
Costume / Un’esperta di appuntamenti rivela su TikTok il modo ideale per chiedere a una ragazza di uscire
Costume / Le Crocs con i tacchi a spillo: lo zoccolo di gomma extra lusso è firmato Balenciaga
Costume / WhatsApp, lo stesso account si potrà usare su 4 dispositivi diversi
Costume / Il celebre "Mulino Bianco" va all'asta
Costume / Lo studente spagnolo che va a scuola in gonna per superare i pregiudizi di genere