Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Il verde indoor come fonte di benessere

Di Flavia Checcacci
Pubblicato il 29 Ott. 2020 alle 10:45 Aggiornato il 29 Ott. 2020 alle 11:36
9
Immagine di copertina

Il verde indoor come fonte di benessere

Esiste una forte connessione tra l’arredamento di casa e l’umore delle persone che la vivono. Scelte e disposizioni adeguate possono aiutarci a essere più sereni nel quotidiano, migliorando il nostro stato d’animo. Elemento fondamentale per il raggiungimento di questo obbiettivo è la scelta di inserire all’interno delle mura di casa un tocco di naturalità.  Da milanese ho l’esempio di una città nella quale gli spazi esterni e i giardini sono rari e ridotti. Poche volte si aprono le finestre godendo delle sfumature del verde, per questo si ha la necessità di ricreare quella sensazione aggiungendo fiori e piante da interno, del resto, già l’Epoca Vittoriana insegna come i giardini d’inverno fossero sia rifugio per le piante sia definizione di spazi dedicati all’ospitalità, socializzazione e al riposo.

Le proprietà delle piante sono diverse, tra le più note la purificazione dell’atmosfera, il controllo dell’umidità rendendo l’aria meno secca e ancora la diminuzione della polvere nelle stanze assorbendo gli agenti inquinanti. Per lo styling del verde è fondamentale conoscere quali siano le tipologie di piante più adeguate a ciascun locale, in generale è chiaro quanto la natura abbia bisogno di luce, ma attenzione al sole diretto, potrebbe essere letale tanto quanto l’abbondanza di acqua. Ad eccezione di alcune marche di vasi specifiche, in generale, i vasi non sono a riserva, per questo non si deve pensare di versare tanta acqua in abbondanza, tutta in una volta, sperando che la pianta “si serva al bisogno”, al contrario verrà destinata a marcire.

Ogni specie ha bisogno del suo ambiente congeniale per poter vivere e crescere, posizionarle in modo casuale non è mai una tecnica efficace perché si rischia di esagerare nel numero o di disperderle in angoli indifferenti facendo loro perdere di significato. Consiglio invece la creazione dei “corner verdi” ponderati che attraggono lo sguardo creando interesse e curiosità, mai cadere nel banale, i giochi di dimensioni e forme dei vasi creano dinamismo, così come la scelta del colore della fioritura o della foglia può essere fondamentale nella ricerca di nuances che dialoghino insieme in modo armonioso; è caratterizzante tanto la pianta in sé quanto il vaso che la contiene, dal materiale, alla forma al colore.

Visualizza questo post su Instagram

¶ ANGOLI di CASA che parlano di noi e che spesso ci descrivono più di quello che noi esprimiamo a PAROLE. ¶

Un post condiviso da Flavia Che (@flavia_che) in data:


Grandi piante sono adatte per open space e locali ampi dal gusto minimal per farle diventare protagoniste indiscusse, talvolta svolgendo funzione identificativa e di separazione tra aree. Ugualmente, in spazi ridotti, la presenza di piante dona personalità. In generale se si è dei neofiti, cercare specie che non necessitino di troppa attenzione e cura, soprattutto se, per esigenza, è più il tempo che si vive fuori casa che all’interno. Non secondarie sono le decorazioni di Floral Design, sia fresche che secche, che a seconda della posizione, sono fonte di gioia immediata, dal tavolo in salotto, alla scrivania, la quale, soprattutto in questo periodo di smart working assiduo, assume subito una connotazione più piacevole: computer acceso, tazza di tè, candela profumata e composizione floreale sono un connubio vincente durante le giornate di lavoro.

I dettagli fanno la differenza, dalle piccole e falsamente morbide piante grasse disposte in cucina tra i barattoli del sale e dello zucchero, alla semplice, singola rosa rossa su parete bianca che rievoca ricordi romantici, ogni particolare è portatore di sensazioni.

Nel mio bagno dai toni chiari, non manca mai un bouquet di fiori appoggiato al lavandino, sia esso colorato o dei meravigliosi tulipani bianchi, mi accompagna ogni mattina al risveglio, donandomi, già dalle prime ore, piacevolezza e benessere. Stringhe di lucine a led inserite in vasi trasparenti sono quel tocco in più che, al calare delle prime luci, donano quella magica atmosfera ricercata nei momenti di relax.

E se invece fosse un sacchetto della Milan Fashion Week del 2019 a venire impreziosito dalla presenza di una Dipladenia al suo interno?

Appeso a sostegni decorativi dorati, assume una nuova connotazione. Un pizzico di creatività ci riporta alla quotidianità frenetica e stuzzicante di una Milano triste e annoiata, ricordandoci quello che eravamo e che con molta determinazione torneremo ad essere, sbocciando proprio come i fiori.

Per avere altri spunti e informazioni più dettagliate, Seguitemi su Instagram e contattatemi.

Leggi anche:

1. Un salotto minimal e luminoso dal sapore tropicale: come viaggiare restando tra le mura di casa / 2. Come trasformare casa vostra nella dimora ideale: linee guida per una quarantena più piacevole

9
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.