Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Sabaudia plastic free: sul litorale delle dune si va al mare con la borraccia

Immagine di copertina
A Sabaudia (Lt) in spiaggia solo con le borracce

Sabaudia plastic free borraccia | Il progetto | Il sindaco

Sabaudia diventa plastic free. La cittadina balneare laziale, in provincia di Latina, si prepara alla stagione estiva all’insegna dell’ambientalismo. La città delle dune sceglie di vivere l’estate 2019 senza plastica.

Salvare il mare e le spiagge dalla plastica si può. Nel mirino ci sono le bottigliette d’acqua da mezzo litro, vero e proprio incubo della natura e, soprattutto, delle spiagge. Il litorale pontino si attiva e, da Sabaudia a Formia, i Comuni si sforzano di contrastare il fenomeno dell’inquinamento attraverso il progetto Plastic Free Beach 2019.

Ecco dove finiscono i nostri rifiuti di plastica

Sabaudia plastic free borraccia | Il progetto 

Il programma di interventi per ridurre la quantità di plastica si snoda attorno a due grandi iniziative. La prima è quella dell’installazione e della conseguente messa in funzione di tre compattatori esterni per imballaggi di plastica. Secondo il progetto, i compattatori verranno posizionati lungo le vie di accesso alla spiaggia.

Ma non solo. Se la prima iniziativa serve a spingere i cittadini a riciclare la plastica utilizzata – senza lasciarne traccia sulla spiaggia – la seconda punta a sensibilizzare le coscienze e a incentivare il minor utilizzo della plastica. Come? Attraverso l’utilizzo di borracce. In questo modo i cittadini verranno spronati a usare meno plastica e a usare più prodotti “riutilizzabili”.

Quali prodotti non troveremo più nei supermercati dopo lo stop alla plastica usa e getta

In tutto saranno duemila le borracce che il comune di Sabaudia provvederà a distribuire a chi si appresta a passare del tempo tra le due della località pontina.

Sabaudia plastic free borraccia | Il sindaco

“Sabaudia da sempre è uno dei territori simbolo nel Lazio per l’ambiente e la natura quindi era doveroso avviare un percorso che coinvolgesse i frequentatori delle nostre spiagge in un progetto di protezione e salvaguardia dello splendido lido che scelgono come luogo per il loro divertimento e riposo”, ha detto la sindaca Giada Gervasi.

L’attenzione del Comune al problema dell’inquinamento passa, però, anche per un’ordinanza balneare diretta ai gestori dei lidi: ristoranti e chioschi non potranno utilizzare piatti, bicchieri e posate di plastica nel periodo estivo. Quella che si avvicina sarà davvero un’estate all’insegna dell’ambientalismo sul litorale pontino.

La mappa interattiva su tutta la plastica presente nei nostri oceani

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ambiente / Negli ultimi dieci anni è scomparso quasi un corallo su sei in tutto il mondo
Ambiente / Svolta ecologica? Con Cingolani no di certo: va pazzo per atomi e trivelle
Ambiente / Luca Mercalli a TPI: “A Draghi and Co. dico che non c’è crescita infinita in un mondo di risorse limitate”
Ambiente / Altro che prodotti finanziari ecologici: ecco tutte le bugie dei fondi green
Ambiente / Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Ambiente / Belize: la barriera corallina “ripaga” il debito pubblico